​’Non siamo defunti e nessuno deve farci risorgere’. La famiglia Malaguti sconfessa il salentino Luca Santo

'Ci vediamo costretti ad opporre la nostra piena titolarità del marchio e del suo utilizzo'. La famiglia Malaguti, storica azienda bolognese, chiede a Leccenews24 una rettifica urgente all'articolo pubblicato il 31 agosto.



«Non siamo affatto defunti e, quindi, non abbiamo nessun motivo che qualcun altro ci faccia risorgere». Antonino e Marco Malaguti, autorevoli membri del Consiglio di amministrazione della Malaguti Srl, la nobile casa motociclistica italiana di San Lazzaro di Savena prendono carta e penna e chiedono a Leccenews24 una immediata e pronta rettifica all’articolo del 31 agosto 2017 “Malaguti, il marchio riparte da un salentino”.
  
Oggetto del disappunto, non solo il titolo ma anche il contenuto del pezzo in cui con tronfio orgoglio campanilistico esprimevamo la nostra contentezza per la notizia che un 23enne di Campi Salentina aveva acquisito il marchio ed era pronto a riportare in auge il mito della due ruote bolognese: «Partiamo con un prototipo asiatico, poi un passa alla volta entreremo nel mercato» aveva raccontato a Leccenews24 il giovane imprenditore.
  
Malaguti dopo aver letto l’articolo della nostra testata contesta tutto e si riserva di adire azioni legali contro Luca Santo poiché la pubblicazione della notizia ha provocato grande disorientamento nella rete di oltre mille punti di vendita e assistenza in Italia e nei paesi esteri. «Ci vediamo costretti ad opporre la nostra piena titolarità del marchio e del suo utilizzo quale espressione dell’attività della famiglia Malaguti, storica, autentica e vitale».
  
«Occorre, pertanto, un’immediata rettifica che dia atto della realtà della Malaguti s.r.l, società storica della famiglia Malaguti, titolare del marchio protetto “Malaguti” nelle varie forme, loghi, modelli e quant’altro».
  
A passare per mitomane però Luca Santo non ci sta e ci promette, in esclusiva, una sua puntuale risposta. Ma questa sarà oggetto della prossima puntata. 

Ultima modifica: 15 settembre 2017 17:42

In questo articolo