​Tanto tuonò che piovve… Domenica nuvolosa, ma da lunedì torna il caldo rovente

Come avevano previsto i meteorologi, Lucifero ha abbandonato il Belpaese, lasciando il posto alle correnti di aria più fresca. Dopo la pioggia che si è abbattuta anche sul Salento, le temperature sono scese, ma torneranno a salire gradualmente nei prossimi giorni.



Le previsioni metereologiche non hanno sbagliato: tregua doveva essere e tregua è stata. Il caldo rovente e insopportabile causato da Lucifero, l’anticiclone proveniente dal deserto del Sahara che ha fatto schizzare l’asticella della colonnina di mercurio su valori superiori ai 40 gradi, è stato spazzato via da una corrente atlantica che ha riportato le temperature su valori ‘accettabili’ e in linea con la media del periodo. Anche se il record del 2003 – passato alla storia come una delle estati più calde che si ricordino, unica nel suo genere per estensione, intensità e durata – non è stato battuto, il 2017 ha messo a dura prova anche chi ama questa stagione e la attende con ansia tutto l’anno.
  
E così, come avevano preannunciato i meteorologi, temporali sparsi e di forte intensità hanno ‘rinfrescato’ il Salento facendo saltare molti eventi in programma a cielo aperto e rovinando lo spettacolo agli oltre 20mila spettatori presenti al via del Mare dove sul rettangolo di gioco si stava scontrando l’Inter di Mister Spalletti e gli spagnoli del Betis Siviglia.
 
Una ‘frescura’ che durerà fino a lunedì, 14 agosto quando saremo costretti a salutare il vento di Maestrale che sta soffiando in queste ore e le temperature torneranno, inevitabilmente, a salire piano piano fino a quando l’anticiclone africano non riconquisterà il dominio imponendo i suoi ‘valori’.

Tornerà a far caldo, ma non caldissimo, soprattutto al Sud Italia dove si sfiorerà il tetto dei 40 gradi. Forse… perché è ancora troppo presto, infatti, per sapere se saremo di fronte alla 6° ondata di caldo record che ci accompagnerà fino alla fine del mese o se le temperature si attesteranno intorno ai 30/35 gradi, in linea con la media del periodo.  

Ultima modifica: 15 settembre 2017 12:21

In questo articolo