Influenza, il peggio non è ancora passato. Il picco è atteso per la Befana

Sono stati tanti i salentini costretti a letto dall'influenza, ma il peggio non è ancora passato. Anche se è difficile prevederlo, il picco è atteso per la Befana.



Sarà colpa dei baci, degli abbracci, delle strette di mano che non si sprecano durante le feste. Fatto è che, anche quest’anno, moltissimi salentini hanno trovato sotto l’albero il regalo poco gradito dell’influenza. C’è chi ha passato il Natale sotto le coperte, chi ha dovuto rinunciare al cenone del 31 dicembre e chi, il primo dell’anno, ha dovuto fare i conti con il termometro… L’epidemia sembra essere stata più inclemente del solito con il suo “carico” di febbre anche molto alta e difficilmente controllabile con gli antipiretici, tosse, raffreddore, problemi intestinali e dolori muscolari.

È stata talmente “aggressiva” – stando al racconto di chi è stato colpito – che ora fa paura a chi l’ha scampata. In effetti, anche se non si può prevedere con certezza matematica il giorno in cui si verificherà il temuto picco, è probabile che il virus A H3N2, come da copione, colpirà soprattutto nel periodo compreso tra Capodanno e la Befana.

I consigli per evitare l’influenza

Battere il virus si può: basta seguire poche semplici regole per evitare di cadere nella rete dei malanni di stagione. La prima regola, difficile da rispettare in questo periodo, è quella di evitare i luoghi affollati dove il rischio di contagio è più alto. Starnuti e tosse, infatti, sprigionano nell’aria quantità inimmaginabili di virus. Un altro consiglio importante è quello di lavarsi le mani con frequenza, assumere alimenti contenenti vitamina C e dormire almeno sei/otto ore al giorno.

I vecchi rimedi della nonna, ad esempio, hanno sempre funzionato: una bella spremuta d’arancia, brodo caldo, miele e latte caldo, frutta e verdura possono essere dei veri e propri alleati contro l’influenza.

Concluse le feste si dovrebbe registrare la progressiva discesa del numero dei contagi.

Ultima modifica: 2 gennaio 2018 11:30

In this article