Un altro trofeo per il Salento. La Cascata Monumentale di Santa Maria di Leuca tra le più belle d’Italia

Una classifica delle cascate italiane incorona quella di Santa Maria di Leuca come una delle più belle.Tratto finale dell'Acquedotto Pugliese, la Cascata Monumentale è una delle opere architettoniche più importanti degli anni '40 che persistono sul nostro territorio


Il Salento continua a fare incetta di riconoscimenti. Questa volta ad essere premiata è stata la Città dei Due Mari, la Cascata Monumentale di Santa Maria di Leuca è, infatti, entrata, come una star, tra le prime 15 cascate italiane più belle.
 
Tra le molte meraviglie naturali e i numerosi spettacoli architettonici creati dall’uomo che regalano un fascino seduttivo al nostro Bel Paese, le cascate, “giganti d’acqua”  che incantano con la loro grandiosa bellezza.  Molte quelle in grado di lasciare senza fiato, diventate nel tempo vere e proprie attrazioni turistiche.
 

A redigere una classifica delle cascate italiane più belle ci ha pensato Hundredrooms, un sito online di alloggi turistici. Una guida per curiosi e appassionati alla scoperta di alcune delle cascate imperdibili da includere tra le mete del proprio itinerario di viaggio.
 
Per le prossime vacanze estive quindi una tappa nel lembo più estremo della Puglia e dell’Italia intera, appare obbligatoria per poter ammirare la Cascata Monumentale di Santa Maria di Leuca, nel Salento.

Delimitata da due gradinate che nel complesso formano già di per sé un piccolo spettacolo, la Cascata Monumentale rappresenta il punto terminale del lungo Acquedotto Pugliese.  Opera architettonica ereditata del ventennio fascista, la Cascata Monumentale è un’opera imponente, terminata nel 1939, che vanta una lunghezza di oltre 250 metri e un dislivello di 120 metri circa, con una portata di 1.000 litri al secondo che termina direttamente nel mare.
 
Una Colonna Romana Monolitica è situata alla fine della scalinata che affianca la cascata. La scalinata che merita un’ attenzione particolare poiché è costituita da due rampe, ognuna delle quali si compone di 300 scalini che incorniciano la cascata, dal 2010 è stata resa ancora resa più suggestiva  da un sistema di illuminazione artistico, studiato appositamente per creare un impatto ancora maggiore. Il risultato è una  bellezza che toglie il fiato tanto da aver reso  Santa Maria di Leuca una delle mete imprescindibili del turismo salentino.
 
Dalla più alta alla più avventurosa, le 15 cascate d’Italia, entrate nell’Olimpo. Accanto alla cascata definita la più monumentale, appunto quella di Santa Maria di Leuca, la Cascata dello Stroppia, la più alta d’Italia; la Cascata delle Marmore, in Umbria, la più nota; le Cascate dell’Acqua Fraggia, le più suggestive;  la Cascata del Dardagna, nell’appennino bolognese, la più abbondante; la Cascata marchigiana del Sasso, detta anche Balza del Metauro, la più grande; le tre bellissime Cascate di Riva, in Trentino Alto Adige, le più avventurose; le Cascate del Rio Verde, nel Chietino, che per la fitta vegetazione mediterranea che le circonda sono le più verdi d’Italia; la potente Cascata del Toce, in territorio piemontese; la  Cascata Grande del Liri, l’unica in tutta Italia ad essere perfettamente integrata all’interno del centro storico di Isola del Liri; la Cascata di Capu Nieddu, in provincia di Oristano; a Cascata delle due Rocche, in Sicilia, la più sconosciuta;
  
Tiziana Protopapa

Ultima modifica: 23 agosto 2017 11:43

In questo articolo