​Fanno irruzione nell’Ufficio Postale, ma l’obiettivo era un cliente. Paura per un tabaccaio ferito al volto dai malviventi

Due malviventi hanno preso di mira un tabaccaio che si era recato allo sportello dell'ufficio postale per depositare l'incasso della giornata. Brandendo una pistola, hanno intimato alla vittima di consegnargli il denaro, ma l'uomo ha ceduto solo in parte.



Hanno fatto irruzione all’interno dell’Ufficio Postale di Trepuzzi, ma ‘a sorpresa’ l’obiettivo dei due malviventi era un altro, un cliente che si era recato in via Brunetti per depositare l’incasso della tabaccheria di sua proprietà.
  
Il colpo, studiato nei minimi particolari, è andato in scena quando mancava qualche minuto alle 11.00. I due hanno aspettato ‘pazientemente’ il tabaccaio, forse perché conoscevano le sue abitudini. Non è escluso che lo abbiano pedinato, prima di entrare in azione. Fatto è che superata la porta scorrevole, quando l’uomo si è diretto allo sportello della Posta, i banditi gli hanno teso una vera e propria imboscata. Con il volto coperto da un passamontagna, lo hanno seguito, intimando al poveretto di consegnargli il denaro del fine settimana, brandendo un’arma, forse una pistola stando alle prime indiscrezioni trapelate.
  
La vittima ha ceduto alla richiesta, ma solo in parte: gli ha consegnato pochi spiccioli, circa 200 euro. I malviventi hanno capito che il resto era stato volutamente nascosto, ma non potevano temporeggiare e prima di scappar via lo hanno colpito al volto con il calcio della pistola, provocandogli un’escoriazione.
  
L’allarme era ormai scattato e di lì a poco l’ufficio postale sarebbe stato circondato dagli uomini delle forze dell’ordine per questo i malviventi hanno preferito guadagnarsi una via di fuga, a bordo di un’utilitaria bianca come indicato da alcuni testimoni.
  
Il tabaccaio è stato medicato dai sanitari del 118, mentre i carabinieri della stazione locale e il Norm di Campi salentina hanno iniziato la caccia ai banditi. Preziosi, si spera, saranno i filmati delle telecamere di videosorveglianza. 

Ultima modifica: 2 agosto 2017 12:33

In questo articolo