In casa aveva della cocaina, scoperta dalla Polizia: finisce ai domiciliari

Durante un servizio di controllo del territorio ad opera della Polizia, all'interno di un appartamento è stata rinvenuta della cocaina. La proprietaria adesso si trova in regime di arresti domiciliari.



Nel pomeriggio di ieri una volante impegnata nel servizio di controllo del territorio si è recata in piazzale Rudiae, al fine di intensificare il servizio di prevenzione e repressione dei reati in genere ed in particolar modo quelli legati al consumo ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, poiché la zona è solitamente frequentata – stando a quanto riferiscono gli agenti – da persone dedite al consumo ed allo spaccio. Nella circostanza, gli agenti hanno notato due uomini entrare in un condominio dove abita una donna nota alle Forze dell’ordine per la commissione di reati della stessa indole, mentre uno dei due entrati nel condominio è conosciuto come tossicodipendente.

Uno degli agenti, giunto sul pianerottolo, ha visto sulla porta di ingresso il figlio della proprietaria dell’appartamento e quest’ultima che si sporgeva dalla porta del salotto, dove si trovava insieme ad un’altra donna tossicodipendente. Colta di sorpresa, la proprietaria avrebbe tentato – raccontano gli operatori – di ingoiare dei frammenti di cellophane di colore bianco senza però riuscirvi, all’interno dei quali vi erano circa 16 grammi di cocaina.

È stata quindi effettuata una perquisizione domiciliare che ha consentito di rinvenire nel salotto, gettati per terra, alcuni frammenti di cellophane di colore bianco sagomati a forma circolare, del tutto simili a quelli utilizzati per confezionare le dosi di cocaina. Sul divano è stato rinvenuto un borsellino con all’interno un guanto in lattice e tre confezioni contenenti altri 1,29 grammi di cocaina e la somma di 265 euro.

La donna è stata sottoposta agli arresti domiciliari.

Ultima modifica: 23 agosto 2017 11:51

In questo articolo