Classi “debullizzate” per combattere il bullismo: ciclo d’incontri con i Carabinieri di Gallipoli

Contrastare il bullismo ed il cyberbullismo. Un ciclo di seminari, assieme ai Carabinieri di Gallipoli, che ha permesso di incontrare gli studenti di primo e secondo grado, tra i Comuni di Nardò, Aradeo e della Città Bella.



Si è concluso oggi, il ciclo d’incontri sulla legalità tenuto dai Carabinieri di Gallipoli presso varie Scuole Secondarie del Salento, di primo e secondo grado, tra i Comuni di Nardò, Aradeo e della “Città Bella”. Il seminario, iniziato nel mese di Febbraio, ha avuto ad oggetto un tema attuale quanto delicato, ovvero quello del bullismo.

Combattere il cyberbullismo

I militari, di classe in classe, hanno toccato tematiche decisamente essenziali per una crescita sana e matura dei più giovani. Tutela della dignità propria e dei compagni di banco. Rispetto reciproco. Piena consapevolezza di una vita reale a discapito di quella virtuale. Uso responsabile dei social e di internet per evitare qualsivoglia forma di “Cyberbullismo”.

“Classe Debullizzata”

Sono questi i principi cui hanno aderito e che concretamente hanno sottoscritto gli alunni di tutte le classi, i quali, chiamati uno ad uno dai relatori ad apporre la propria firma sulla pergamena ufficiale rilasciata alla scuola e contenente l’elenco dei principi pubblicamente letti, hanno dapprima dimostrato un po’ d’emozione, per poi partecipare con sincero e vivido interesse, condividendo all’unanimità l’idea di responsabilizzarsi a vicenda, stipulando un patto con i Docenti ed i Carabinieri, all’insegna del rispetto del prossimo e della legalità, ricevendo infine l’agognata menzione d’onore di “Classe Debullizzata”.

Ultima modifica: 16 maggio 2018 16:43

In questo articolo