Lite tra stranieri in macelleria: ha una pistola, ma ferisce il connazionale con un coltello. Arrestato

Ennesima lite in via Duca degli Abruzzi, dove in una macelleria gestita da stranieri, due cittadini di origini pakistane hanno iniziato a discutere animatamente fino a quando non è spuntato fuori un coltello.



Non è il primo caso di lite che finisce sulle prime pagine dei giornali per la “piega” che assume e che sfiora la tragedia. Questa volta a fare da sfondo è una macelleria gestita da stranieri, che si affaccia nella ‘arcinota’ via Duca degli Abruzzi, già teatro in passato di episodi simili. Protagonisti della diatriba, invece, due cittadini di nazionalità pachistana che – apparentemente senza motivo – hanno iniziato a discutere animatamente. Con il passare dei minuti, gli animi si sono scaldati troppo e il diverbio è diventato sempre più violento fino a quando non è degenerato del tutto. Le parole non sono bastate più a uno dei litiganti che  – secondo una prima ricostruzione dell’accaduto – improvvisamente ha tirato fuori una pistola che aveva con sé [non si sa se legalmente detenuta] e l’ha puntata dritta contro il connazionale.
  
Fortunatamente non ha premuto il grilletto (anche se qualcuno giura di aver udito un colpo simile a uno sparo). Lo straniero ha desistito dal suo intento anche se solo in parte perché ha impugnato un coltello e ha colpito il rivale, ferendolo in maniera lieve. A cosa fatta è scappato, provando a far perdere le sue tracce tra le stradine del capoluogo barocco.  Anche la ‘fuga’ è durata poco. In poco tempo gli uomini delle forze dell’ordine sono riuscite a chiudere il cerchio e rintracciarlo.
  
L’uomo  – di cui al momento non si conoscono le generalità – è stato accompagnato in caserma. Maggiori dettagli emergeranno nelle prossime ore, quando anche attraverso il racconto dei testimoni, saranno chiariti i morivi della lite e i contorni della vicenda.
 
La strada, come detto, ha fatto da sfondo ad altri episodi simili e i residenti sono esasperati, se non spaventati dalla quotidianità con cui si verificano.
 
Sul fatto, si è tempestivamente espresso il candidato sindaco del centrodestra, Mauro Giliberti: "I sindaci, di concerto con la Prefettura e la Questura, devono affrontare con fermezza e senza sconti le tematiche della sicurezza. Via Duca Degli Abruzzi, a pochi passi dal centro (come anche altre strade potenzialmente a rischio), deve essere immediatamente dotata di illuminazione ancora più efficiente, impianti di videosorveglianza e pattugliata costantemente, per impedire il ripetersi di fatti di cronaca così gravi".

"Sappiamo che la zona è ricca di attività commerciali gestite da stranieri – prosegue Giliberti –  ma è giusto fare un distinguo tra chi rispetta le regole e chi viola le norme della convivenza civile: molti di questi esercenti, vendendo alcolici a sottocosto e ad orario continuato, rischiano di alimentare stati di ebrezza e fenomeni di violenza e vandalismo".

"Se siamo in grado di riconoscere perfettamente i responsabili di simili gesti – e lo possiamo fare – allora significa che possiamo intervenire immediatamente con ordinanze e strategie decisive" – chiosa il Candiato sindaco del centrodestra leccese. 

Ultima modifica: 2 agosto 2017 11:58

In questo articolo