Padre scopre il corpo senza vita del figlio 35enne. È il terzo caso di suicidio a Muro Leccese

Un'altra tragedia si è consumata, ieri sera a Muro Leccese. Un 35enne del posto ha deciso di togliersi la vita impiccandosi ad una trave nel magazzino di famiglia. È stato il padre a fare la macabra scoperta. Inutili i soccorsi. È il terzo caso di...



Era uscito da casa qualche minuto dopo le 20.00 e nessuno avrebbe mai immaginato cosa sarebbe accaduto di lì a poco né che F.D.P, 35enne di Muro Leccese avesse in mente di compiere il più estremo dei gesti: quello di togliersi la vita. L’uomo si è recato nel magazzino vicino casa sua, un locale che la famiglia usava come deposito per la piccola impresa di costruzioni edili, ha legato una corda intorno alla trave, poi se l’è stretta al collo e si è impiccato.  È stato il padre ad trovare il corpo del figlio privo di vita. Quando è avvenuta la macabra scoperta, era ormai troppo tardi.
 
L’ambulanza del 118 ha raggiunto il luogo della tragedia in pochi minuti allertata dal genitore, ma il cuore del 35enne aveva già smesso di battere da tempo. I sanitari, infatti, non hanno potuto far altro che constatarne il decesso.
 
Il gesto del giovane, nella sua drammaticità, resta al momento ‘inspiegabile’ per la famiglia, gli amici e la fidanzata con cui aveva già fissato la data delle nozze. Nessuna lettera o biglietto è stato ritrovato in cui poter cercare i motivi che hanno spinto il 35enne a compiere questa tragica scelta.  
 
La notizia, in men che non si dica, ha fatto il giro del paese lasciando Muro Leccese completamente avvolto dal silenzio.  La comunità è sotto choc, a metà tra il dolore e l’incredulità. Non solo perché il giovane era una persona conosciuta e apprezzata per la sua solarità, ma anche perché si tratta del terzo caso di suicidio avvenuto nel comune alle porte di Maglie nel giro di pochissimo tempo.  
 
Una drammatica sequenza iniziata a febbraio quando uno studente 19enne del posto scelse di farla finita in una campagna di proprietà della famiglia, impiccandosi ad una trave del pergolato in quel fondo alla periferia della cittadina dove spesso amava rifugiarsi. In quel caso fu un amico a ritrovarlo quando ormai era troppo tardi. 

Ultima modifica: 23 agosto 2017 16:43

In questo articolo