Otranto, realizzato un accesso al mare senza autorizzazione. Scatta il sequestro della Guardia Costiera

L’opera eseguita in località Grotta Monaca – San Pietro Canali in un’area classificata come a pericolosità geomorfologica molto elevata e comporterebbe un elevato pericolo l’incolumità pubblica.



I militari della Guardia Costiera di Otranto, appartenenti al Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Direzione Marittima di Bari, hanno effettuato il

sequestro-otranto
I militari della Guardia Costiera mentre appongono i sigilli

sequestro preventivo di un’area pari a circa 800 mq, in parte ricadente sul demanio marittimo.

 

Le motivazioni del sequestro

L’area interessata dal sequestro, situata nei pressi di altre due strutture già sottoposte a provvedimenti analoghi da parte dell’Autorità Giudiziaria di Lecce, in località Grotta Monaca – San Pietro Canali nel Comune di Otranto, è classificata come Area a pericolosità geomorfologica molto elevata (PG3) del Piano di assetto idrogeologico redatto dall’Autorità d’Ambito della Regione Puglia e per questo interessata da un’ordinanza di interdizione emanata dalla Capitaneria di Porto di Otranto.

I militari della Guardia Costiera di Otranto hanno accertato la realizzazione di un vero e proprio accesso al mare sprovvisto di qualsivoglia titolo autorizzativo, opera che comporterebbe un elevato pericolo per l’incolumità pubblica.

I reati contestati

Diversi i reati contestati dai militari della Guardia Costiera, illeciti che spaziano dai lavori e innovazioni non autorizzate su area demaniale marittima al deturpamento di bellezze naturali trattandosi di sito d’interesse comunitario (SIC) e pertanto sottoposta a particolari vincoli.

Ultima modifica: 3 gennaio 2018 15:20

In questo articolo