Sfondano la vetrata dell’area di servizio con un’auto, ma nella fuga lasciano la targa

Colpo nella notte fallito presso il distributore Eni lungo la Neviano-Aradeo dove due malviventi sono riusciti a sfondare la vetrata dell'area di servizio. Suonato l'allarme, però, la vigilanza è intervenuta prontamente mettendo in fuga i banditi: indagini in corso.

Un nuovo tentativo di rapina presso una stazione di servizio del Salento, ma questa volta i banditi restano a bocca asciutta. È la vicenda registrata nel corso delle ore della scorsa notte all’interno dell’area di sosta e rifornimento “Agip” che si trova lungo la strada che da Neviano conduce ad Aradeo: qui ignoti hanno tentato la spaccata, ma a mandare in fumo il piano ci ha pensato la vigilanza privata.

In particolare, i malviventi si sono presentati alle ore all’1.21 davanti alla vetrata dell’area di servizio Eni: si tratta di un’area rifornimento dotata di punto ristoro e tabaccheria. Il loro intento era chiaro: buttare giù porta e vetri per poter mettere a segno il colpo. Un piano inizialmente riuscito dal momento che la loro vettura, una Fiat Uno di colore verde, è riuscita a mandare giù la porta a vetri, ma appena entrati all’opera è scattato l’allarme del sistema di sorveglianza installato sul posto.

Vetrata sfondata, ma targa dimenticata

Un Sos che è giunto alla centrale dell’istituto “Consorzio di Vigilanza” che nel giro di pochi minuti è riuscita a intervenire, mettendo in fuga i rapinatori.

Rimasti a bocca asciutta, per i due banditi non è rimasto altro che fuggire a gambe levate, dimenticando però sul posto la paraurti del mezzo con tanto di targa. Sulle loro tracce adesso ci sono già Carabinieri e Polizia. Preziose possono essere le immagini registrate dalle telecamere del sistema di sicurezza presenti presso la stazione Agip.

Ultima modifica: 13 ottobre 2017 11:24

In questo articolo