Tragedia a Melissano, mangia un pezzo di carne e soffoca. Muore bambina di 10 anni

Nell'attesa di sedersi a tavola a mangiare, una bambina di 10 anni ha assaggiato un pezzo di carne che le ha ostruito la trachea, portandola alla morte tra la disperazione dei presenti che altro non hanno potuto fare se non chiamare il 118.



Una tragedia, perché di questo si tratta, nel senso più oscuro e triste del termine. La notizia è circolata in tarda mattinata ed ha lasciato tutti esterrefatti.
 
Poco dopo mezzogiorno, in una abitazione nel cuore di Melissano, una famiglia si accingeva a mettersi a pranzo, mancava poco prima di sedersi intorno al tavolo della domenica. Una bambina di 10 anni, affamata, ha chiesto di assaggiare un po’ di carne, ma questo desiderio le è stato fatale. Nel giro di poco tempo la bambina ha dato segni di soffocamento ed è spirata nel giro di pochi minuti davanti alla disperazione dei famigliari che nulla hanno potuto fare.
 
All’arrivo dei sanitari del 118, chiamati da chi era presente, per la bambina non c’era più nulla da fare, vani sono stati i tentativi di soccorso: il cibo le aveva ostruito la trachea, impedendole di respirare. Questa la terribile constatazione, rivelata anche ai carabinieri della stazione di Melissano che hanno raggiunto la casa dove si è consumata la disgrazia.
 
Il magistrato di turno, dott.ssa Elena Vallefuoco, informata dei fatti, ha dapprima disposto il sequestro della salma, poi, esclusa ogni responsabilità, ha svincolato il corpo privo di vita della piccola, lasciandola alle lacrime dei congiunti.
 
Anche alla luce di tragedie simili a quella che è stata raccontata, gli operatori sanitari invitano sempre più frequentemente ormai a conoscere le tecniche di disostruzione delle vie aeree, poiché il soffocamento dovuto al cibo è tra le principali cause di mortalità tra i bambini, specie in età neonatale. Sono situazioni di grande difficoltà e di concitazione e non è per niente facile intervenire tempestivamente.

Ultima modifica: 14 settembre 2017 16:39

In questo articolo