Truffa con i fondi comunitari e abuso d’ufficio: indagati Preside in pensione ed il genero

Secondo l'accusa, avrebbero violato le norme regolamentari che disciplinano il conferimento di incarichi esterni all'istituto scolastico. In particolare, gli accertamenti della Procura avrebbero dimostrato che non fu mai espletata alcuna attività formativa.



Un presunto raggiro con i fondi comunitari per il quale risultano indagati un Preside in pensione ed il genero. Il pubblico ministero Paola Guglielmi ha notificato l'avviso di conclusione a Franco Fasano, 67 anni di Melissano, all'epoca dei fatti Dirigente Scolastico dell'Istituto d'Istruzione Superiore "Filippo Bottazzi" di Casarano ed  Antonio Leone, 40enne di Alliste.
  
I due indagati rispondono dei reati in concorso di abuso d'ufficio, truffa aggravata ai danni dello Stato e falso ideologico commesso da pubblico ufficiale.
  
Secondo l'accusa, avrebbero anzitutto violato le norme regolamentari (una circolare del MIUR ed un'altra della Regione Puglia del 2012) che disciplinano il conferimento di incarichi esterni all'istituto scolastico, quali l'avviso di selezione con bando pubblico e la pubblicazione di graduatoria. Nello specifico, Fasano per procurare un illecito profitto a Leone, gli avrebbe affidato un incarico per lo svolgimento di attività preparatoria di 20 ore, a due successivi corsi formativi da svolgersi in Inghilterra.
  
I moduli "incriminati "Your Job in Europe" e "Boomerang" affidati al genero, avrebbero permesso a quest'ultimo di percepire indebitamente la somma di 600 euro, cofinanziata dai fondi strutturali Europei 2007/2013. In realtà, gli accertamenti effettuati dalla Procura fino al gennaio del 2015, avrebbero dimostrato che non fu mai espletata alcuna attività formativa, nonostante ciò risultasse "fittiziamente" dai registri scolastici.
  
Leone è assistito di ufficio dall'avvocato Ida Giannelli. Franco Fasano è difeso dai legali Massimo e Silvia Fasano. Gli indagati hanno venti giorni a disposizione per presentare memorie difensive o chiedere di essere interrogati.

Ultima modifica: 23 agosto 2017 11:45

In questo articolo