“Per te” di Finzi Pasca arriva al Teatro Apollo. Questa sera l’anteprima

Arriva sul palcoscenico del Teatro Apollo di Lecce lo spettacolo "Per te" a cura della compagnia Finzi Pasca. L'anteprima stasera alle ore 21.


apollo-finzi-pasca

Quasi ad un anno esatto dalla prima al LAC di Lugano sarà di scena al Teatro Apollo di Lecce “Per te”, della compagnia Finzi Pasca, una grande anteprima della stagione teatrale del Comune di Lecce pensata insieme al Teatro Pubblico Pugliese e all’Assessorato industria turistica e culturale della Regione Puglia.

La Compagnia Finzi Pasca è una struttura creata da Antonio Vergamini, Daniele Finzi Pasca, Hugo Gargiulo, Maria Bonzanigo e Julie Hamelin, la moglie di Daniele Finzi Pasca scomparsa prematuramente. S’incrociano in quest’avventura la storia del Teatro Sunil con la storia di Inlevitas. C´è il desiderio di sviluppare progetti artistici che continuino ad approfondire il «Teatro della Carezza», nato quando Pasca si dedicò in India ai malati terminali con cui poteva comunicare solo attraverso i gesti.

L’anteprima stasera alle ore 21

La tecnica del gesto invisibile e lo stato di leggerezza sostanziano la poetica espressiva della compagnia, con uno stile di creazione e di regia, un particolare modo di concepire la produzione, una filosofia di allenamento per l’attore, l’acrobata, il musicista, il danzatore e il tecnico, un atteggiamento per abitare lo spazio e riprendere la memoria che porta nostalgia e può commuovere.

Il gesto poetico del clown che va da un monologo per un solo spettatore a una cerimonia olimpica, il teatro, la danza, il circo, l´opera, il cinema, tutto si riunisce in Compagnia Finzi Pasca. Nella ricca attività la produzione per Le Cirque de Soleil e le cerimonie per le Olimpiadi invernali di Torino oltre la messa in scena “Carmen”, “Aida” e “Pagliacci” l’espressione si immedesima  nella linea compositiva della luce che sostanzia e si moltiplica in rifrazioni personalissime, cifra compositiva di assoluta levità e modernità.

“Per te” è il titolo dello spettacolo scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca, dedicato a Julie Hamelin morta il  14 maggio 2016 a soli 44 anni, a causa di un male incurabile. «Cara amica, compagna di avventure, sole, notte piena di stelle» ha scritto Daniele Finzi Pasca all’indomani della grave perdita sul Corriere del Ticino, «che ridevi sempre delle mie stupidate, custode dei sogni, sorriso pieno di dolcezza, la più bella risata della platea, sposa, amore… ora senza di te dovrò reimparare a camminare, a respirare, a sorridere».

Un toccante addio che il regista ha concluso con una promessa: «ti terrò vicina raccontando la nostra meravigliosa storia.»  E così la sua generosità si è spinta a regalare al suo pubblico un nuovo spettacolo denso di colori, continui giochi di luci, vento, veli, musiche, sensazioni. Il tutto reso unico dagli attori della compagnia Finzi Pasca che, con straordinaria abilità e naturalezza, si muovono in un mix tra danza e acrobazia. Gioco e serietà.  “Racconteremo dunque la storia di una panchina e di un giardino, poi ci sarà la fragilità che ognuno di noi difende con armature e corazze.

Ci sarà la leggerezza del ricordo delle sue risate, dei suoi libretti pieni di calcoli e di annotazioni, i suoi consigli e i suoi sogni” racconta Daniele Finzi Pasca. La storia di un libro regalato, di un giardino da costruire, di una lotta come di quella che tutti prima o poi dovremo vivere e affrontare. Palcoscenico sventrato, tecnici e attori che si muovono come gatti nel buio, che si preparano, che si immergono lentamente nella storia. E la storia avvolgerà piano piano lo spettatore.

Nel continuo alternarsi di leggerezza e pesantezza, che rappresentano la bellezza e l’inevitabile difficoltà del vivere, si scopre tutto il mondo di Julie, una vita di grandi emozioni, di tante risate, di riflessioni, un’esistenza piena fino alla fine. Del resto, sono le passioni a farci lottare contro la malattia e contro le battaglie interiori, combattiamo spinti dall’amore per gli altri e per la vita.

La presentazione da parte dell’autore

Non è un caso la presenza dominante del colore rosso, il colore del sangue, del dolore, ma anche della passione, dell’amore e della vita. “È la missione di ogni vita”, ha scritto l’autore per presentare il suo lavoro, “cercare di costruire un giardino interiore dove andare a rifugiarsi, dove accogliere chi si ama, quelli che si sono persi, quelli che si vorrebbero incontrare in un luogo intimo e riservato.

Abbiamo tanto raccontato storie confinate in spazi chiusi, immaginate nella scatola segreta che portiamo attaccata alle spalle, dentro la quale generiamo sogni e viaggi immaginari. Questo spettacolo è dedicato a chi pianta semi che diventano alberi, a chi disegna spazi aperti immaginati per riflettere, per rasserenare l’anima.”

«“Per te” della compagnia Finzi Pasca – dichiara l’assessore alla Cultura, Antonella Agnoli – è uno spettacolo emozionante, di grande impatto visivo e di grande poesia, che può essere apprezzato da tutti e in particolare dai ragazzi più giovani, che spero di vedere sempre numerosi tra gli spettatori del nostro prezioso Teatro Apollo».

Si è sempre pronti alla leggerezza del sogno.

Ultima modifica: 6 dicembre 2017 10:01

In questo articolo