Presentato ‘Mena’, il master di Tap rivolto ai ristoratori del Salento. Iscrizioni entro il 7 dicembre

Il corso di formazione rivolto ai titolari di esercizi ristorativi di Melendugno, Vernole, Calimera, Caprarica di Lecce, Castrì e Carpignano Salentino. Ieri presso l'Hotel Leone di Messapia la presentazione.



Una grande, grandissima occasione per i ristoratori di Melendugno, Vernole, Calimera, Caprarica di Lecce, Castrì e Carpignano Salentino; un'opportunità unica, da cogliere al volo, per aumentare gli standard qualitativi della propria attività.  A gennaio 2017, infatti, partirà Mena (Master d'Eccellenza Per la Nuova Alimentazione) organizzato da Tap.
 
Dopo Tap-Start il bando per la realizzazione di progetti socio-culturali nel comune di Melendugno, prosegue, quindi, l'impegno di Trans Adriatics Pipeline a sostegno del territorio salentino.
 
Sono tanti i temi che verranno affrontati all'interno del master: dalla gestione pratica di un ristorante, alle tecniche di cucina e trasformazione dei prodotti agroalimentari.
 
In partnership con Slow Food Puglia, Barproject Academy, Onav, Fondazione Italiana Sommelier, Delegazione Puglia di Le Donne del Vino e HQF (High Quality Food)' il corso è rivolto a 15 partecipanti (è anche ammessa la presenza di sue elementi dello staff), e si svolgerà, ripetiamo a partire da gennaio del prossimo anno per 8 ore al giorno, per un totale di 136, per 90 giorni.
 
A portare il proprio contributo alla formazione ci saranno i docenti: Salvatore Taronno, Vicepresidente di Slow Food Puglia; Marcello Longo, ConsiglierevNazionale di Slow Food per la biodiversità; Giuseppe Schino, oste del ristorante "Perbacco" di Bari; Francesco Matarrese Olive oli expert e assaggiatore del Consorsio Dop Terra di Bari; Giuseppe Barretta, Docente master off beer Slow Food Puglia; Enzo Scivetti, Onav Puglia; Giuseppe Cupertino, Presidente Fondazione Italiana Sommelier Puglia; Vinod Sookar, che del ristorante "Al Fornello da Ricco" di Ceglie Messapica; Antonio Bufi, chef del ristorante "Le Giare Ristorante" di Bari; Antonello Magistà, direttore del "Ristorante Pashà" di Conversano e i bar project Andrea Peconio; Nicola Battista; Vito Sportelli e Alessio Labate.
 
“Il cibo, il food, rappresentano un bene per la Puglia e sappiamo che nel Salento, soprattutto nel periodo estivo c’è il tutto esaurito e il cibo rappresenta un elemento essenziale”, ha affermato il Country Manager di Tap, Michele Elia, nel corso della presentazione dell’iniziativa svoltasi presso l’Hotel Leone di Messapia.
 
“Un master d’eccellenza come questo che mantiene la cultura salentina, ma che al tempo stesso esalta le pietanze autoctone, può dare un contributo notevole al territorio.
 
È il primo di una serie di corsi di formazione che intendiamo sviluppare e sostenere non solo per quel che riguarda la ristorazione, ma anche in materia di recettività, sostenendo, altresì, con borse di studio gli studenti del comparto. Tutto questo perché noi ci sentiamo parte del Salento e vogliamo esaltarne la qualità. La nostra intenzione è quella di invecchiare insieme, o meglio, crescere insieme.
 
Il precedente progetto, quello Tap-Start, ha avuto un ottimo riscontro in quanto dei nove progetti messi a gara abbiamo ricevuto dieci domande di partecipazione, quindi, il territorio risponde molto; l’altro, un’iniziativa molto più tecnica che riguarda la bonifica di circa 30 km di spiaggia è dedicato a tutti coloro che godono delle bellezze salentine.
 
Nonostante ancora non si sia partiti a pieno state certi che per l’estate, la primavera sarà tutto pronto; non abbiamo scadenze precise, ma l’importante è creare queste condizioni e queste opportunità e il nostro impegno è costante.
 
Ripeto, il nostro è un contributo per la crescita del territorio, il Salento è di straordinaria bellezza dal punto ambientale, è gustosissimo per quanto riguarda il cibo e accogliente per quel che concerne le strutture ricettive, queste tre qualità abbiamo intenzione di esaltarle e la nostra presenza sul territorio non deve essere vista solo per un ‘tubo’, ma per tutto ciò che di positivo può essere portato”.
 
Le iscrizioni a “Mena” si sono aperte il 30 ottobre scorso; gli interessati dovranno far pervenire le loro richieste entro e non oltre le ore 12 del 7 dicembre presso la sede di Tap. Per maggiori informazione sulle modalità di partecipazione consultare il sito www.mena-mastertap.it.

Ultima modifica: 23 agosto 2017 12:47

In questo articolo