​’Votate Emiliano, Patrimonio di Puglia’. L’insolito appello agli elettori di Pippi Mellone

Il primo cittadino di Nardò Pippi Mellone ha voluto spiegare in una nota il senso del suo invito a votare per Michele Emiliano alle primarie del Partito Democratico che tanto sta facendo discutere.



«Le primarie del Partito Democratico sono aperte, per cui confermo il sostegno a Michele Emiliano e invito i miei concittadini che sentano di poter contribuire, a votare per lui». Così il primo cittadino di Nardò, Pippi Mellone chiarisce il senso del suo appello a votare il Governatore pugliese in corsa alla Segreteria dem insieme a Matteo Renzi e Andrea Orlando, all'appuntamento del 30 aprile.
  
«Sono stato eletto dopo un governo di centrosinistra – spiega Mellone –  raccogliendo oggettivamente la delusione e la sfiducia che quella esperienza ha generato a Nardò. Mi pare sia un dato incontrovertibile. A quella gente chiedo di votare per Emiliano. Ho il diritto o no di rivolgermi a una parte significativa del mio elettorato? Dov’è lo scandalo? Ma, soprattutto, sono un sindaco di Puglia che ha incontrato nel presidente della Regione una persona e un amministratore con cui si può collaborare splendidamente, un interlocutore credibile e affidabile per la nostra amministrazione e per la città. È logico ed è naturale, da sindaco prima che da cittadino, auspicare un rafforzamento anche politico del suo ruolo, che passa in questo caso dalle primarie del Partito Democratico».
  
Insomma, per Mellone che rivendica il pregio di dire le cose alla luce del sole, senza ipocrisie, Michele Emiliano è un patrimonio della Puglia.
   
Una trovata che non è piaciuta al consigliere regionale PD, Sergio Blasi secondo cui è innaturale che un sindaco di estrema destra sostenga un candidato di sinistra: «È il punto più basso che la politica ha raggiunto in questa Regione che sembra ormai governata esclusivamente con logica del do ut des – ha dichiarato Blasi –  Io non ci sto. Ho un’idea più alta della politica e delle istituzioni».

Ultima modifica: 2 agosto 2017 11:28

In questo articolo