Perrone si conferma e incrementa: è ancora il Sindaco più amato d'Italia

Sei in » »

La nuova classifica stilata dall'autorevole quotidiano 'Il Sole 24 Ore' vede ancora in cima alle preferenze il Sindaco di Lecce Paolo Perrone che, con il suo 62,5%, si conferma come Primo Cittadino più amato di Italia. Perrone apre il nuovo anno con un nuovo attestato di fiducia.


Paolo Perrone
Paolo Perrone

Lecce. Lecce si trova ancora una volta in cima alle classifiche di gradimento e lo fa grazie al suo Sindaco, Paolo Perrone, il quale si qualifica ancora come il Primo Cittadino più amato di tutta Italia. L’autorevole riconoscimento arriva nuovamente dalle colonne de ‘Il Sole 24 Ore’ che stila la classifica di gradimento sugli amministratori locali più amati ed apprezzati del Bel Paese: l’istituto IPR Marketing, quindi, mette in griglia le impressioni dei cittadini per l’anno 2015 e Lecce, stando ai numeri, pare proprio apprezzino l’amministrazione.
 
Numeri alla mano dicevamo. 62,5% è il dato schiacciante. Un vero e proprio plebiscito per Perrone che, così, incrementa per 2 punti percentuali, il consenso ottenuto e fissato nell’ultima rilevazione. Ancora una bella soddisfazione, perciò, per Paolo Perrone che, come detto, si conferma. Si piazza al numero uno della classifica, infatti, per il terzo anno di fila. Già dal 2013, infatti, il numero uno di Palazzo Carafa, aveva scalato le graduatorie di gradimento: tra alti e bassi, quindi, Perrone da quando è in cima alla classifica, da quel gradino più alto non è più sceso. Anche il 2015 conferma l’apprezzamento di Paolo Perrone che, adesso, può iniziare il nuovo anno, il suo ultimo da sindaco del capoluogo barocco, con il piede giusto e con un pizzico di autorevolezza in più.
 
Nella classifica, a seguire, si piazza al secondo posto il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro; conclude il podio il primo cittadino di Pesaro Matteo Ricci. Passando alla Puglia, per trovare un altro sindaco in classifica bisogna scendere fino al sedicesimo posto, dove si trova il nuovo sindaco di Bari Antonio Decaro, il quale sfonda la soglia del 50%. Segue il primo cittadino di Andria, Nicola Giorgino. Infondo alla graduatoria tutto il resto. Poche, infatti, le attestazioni di affetto per i sindaci di Foggia, Brindisi e Taranto. I tre sindaci, rispettivamente Franco Landella, Mimmo Consales e Ippazio Stefàno, oscillano tutti tra i 47 e i 48 punti percentuali.

"La classifica sul gradimento dei sindaci italiani pubblicata oggi da 'Il Sole 24 Ore' stimola e impone qualche riflessione riferita a ciò che determina tale gradimento da parte dei cittadini.
 Il caso emblematico del Sindaco della città di Lecce Paolo Perrone evidenzia, in modo molto chiaro, la bontà dell’azione amministrativa e le ricadute importanti in termini sociali", con queste parole il Consigliere Regionale della Puglia Saverio Congedo, commenta la graduatoria che vede primeggiare il Sindaco Perrone.
"Da un lato - prosegue il Consigliere - quindi, il buon governo, dall’altro l’apprezzamento che i leccesi provvedono a manifestare nel momento in cui proprio a loro si chiede di mettere a verifica l’operato dell’Amministrazione.
 
Lo straordinario appeal di Lecce e del suo Primo Cittadino sono la testimonianza più autentica di quanto affermiamo a dispetto dei dubbi, delle critiche e di un clima disfattista che qualcuno vorrebbe porre al centro della scena.
 
La classifica smentisce, insomma, coloro che gridano allo sfascio e gratifica, invece, il lavoro di chi, quotidianamente, opera in silenzio e senza applausi.
 
Possiamo sorridere - conclude Congedo - perché le cose non vanno poi così male come a volte viene raccontato e questo ci incoraggia tutti".

Approfondimenti per
  
Autore:
2 commenti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |
  tiger
Commenti: 9

utente dal 13/01/2016
Certo che su internet ne passano scienziati. Quelli che criticano un sindaco a prescindere. Se Perrone camminasse sulle acque direbbero che non sa nuotare... quello stesso sindaco che avrà avuto probabilmente una maggioranza di leccesi che lo ha eletto e che lo ha rieletto cinque anni dopo. I sondaggi, chiaramente, si fanno su un campione. È più facile arrivare primi su un campione, dopo essere arrivato primo sul totale dei cittadini votanti. È simpatico? No e non me ne frega niente. A Lecce non serve Zelig, serve un amministratore intelligente che sappia tenere alto il buon nome della città, costruito negli anni precedenti da altri amministratori brillanti come la signora Adriana Poli che ha aperto un'era moderna. Bravo Perrone: la città funziona nonostante molti leccesi, per fortuna ci sono i turisti che sanno apprezzarla. Lecce è pulita come mai in passato, sono alcuni leccesi che dovrebbero imparare la pulizia e l'ecucazione. Di quelli non parla nessuno. Ma anche loro sono in testa a qualche classifica. Poco onorevole
  Daniela
Commenti: 1

utente dal 12/01/2016
Ahahahahahahah Che assurdità! Perrone sempre più ridicolo! Non sa proprio cosa inventare (ed escogitare...) per uscire di scena con un minimo di dignità! Lecce non è mai stata così sporca, abbandonata e piena di illegalità. Piena di buche, o meglio, crateri; Marciapiedi inesistenti per mancanza di manutenzione, con pericolosissime radici che fungono da dossi naturali! Probabilmente, Lecce è l'unico comune d'Italia che non ha un assicurazione causa il numero elevato di denunce! Ma vi rendete conto? Hahahahahaha E che dire del sondaggio svolto da questo "Ipr Marketing per Il Sole 24 ore“? ...Assurdo, ridicolo e bugiardo! Un sondaggio fatto su 600 cittadini!!!!!! Solo il comune di Lecce conta oltre 100 mila abitanti! Molto attendibile, certo! Patetici!!