Alba Service, un altro anno di cassa integrazione. Soddisfatti i sindacati

Anche per il 2018 i lavoratori di Alba Service potranno beneficiare della cassa integrazione. L'intesa è stata raggiunta tra Provincia di Lecce e sindacati.


lavoratori-albaservice

È stata prorogata di un anno la cassa integrazione guadagni in deroga ai dipendenti di Alba Service, la società partecipata della Provincia di Lecce. Il verbale è stato sottoscritto ieri a Bari, al termine di un incontro convocato dal presidente della Task Force regionale, Leo Caroli.

Al tavolo erano presenti, oltre ai componenti della Task Force regionale, anche: il commissario liquidatore di Alba Service, Giovanni Francesco Conte; le organizzazioni sindacali regionali di Cgil, Cisl, Uil, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Ugl, Cobas, oltre ai rappresentanti della Provincia di Lecce.

L’accordo è stato possibile vista la presenza di un piano di reindustrializzazione ed ha l’obiettivo di garantire la continuità reddituale e contributiva senza soluzione di continuità. La cassa integrazione in deroga si inserisce all’interno degli accordi raggiunti in Prefettura a Lecce ai tavoli del 30 ottobre e del 6 dicembre scorsi, durante i quali è stata individuata la percorribilità della procedura di concordato preventivo.

317 milioni dalla legge di Bilancio

Hanno concorso al buon esito dell’accordo il bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018, lo stanziamento di 317 milioni di euro assegnati dalla legge di Bilancio 2018 per la spesa corrente dei servizi essenziali delle Province, l’istituzione di un fondo pluriennale di finanziamenti dei programmi straordinari di manutenzione della rete viaria pari a 1 miliardo 620 milioni di euro da ripartire tra tutte le Province.

Le parti hanno stabilito che Alba Service, entro i prossimi 15 giorni presenterà apposita istanza di cassa integrazione in deroga a zero ore alla Regione per un tutti e 110 i lavoratori. La società chiederà ai lavoratori di recarsi entro 10 giorni nei Centri per l’Impiego per la presa in carico. Entro il 30 gennaio verrà definito un piano di gestione della cassa integrazione in deroga condiviso con le organizzazioni sindacali, secondo criteri di rotazione e considerate le esigenze tecnico-organizzative aziendali. La Task Force verificherà ogni tre mesi l’applicazione dell’accordo e del piano industriale.

“Esprimiamo soddisfazione per la proroga della cassa integrazione in deroga”, ha detto il segretario generale della Filcams-Cgil Lecce, Mirko Moscaggiuri. “Ringraziamo la Regione e la Task Force per l’impegno e la volontà dimostrati per raggiungere un obiettivo non facile, condiviso e reso possibile anche per il lavoro svolto dalla rappresentanza parlamentare pugliese. Speriamo ora che questo atto sia di buon auspicio per una ripartenza vera di Alba Service, azienda le cui commesse, è bene ricordarlo, costituiscono servizi essenziali per i cittadini (manutenzione scuole e strade). Va anche sottolineato l’impegno preso dalla Regione per la salvaguardia occupazionale degli assistenti sociali”.

Ultima modifica: 29 dicembre 2017 9:34

In questo articolo