Oggi l’edilizia sciopera per il rinnovo del contratto nazionale, in piazza anche 1.200 operai pugliesi

Trattative in stallo, Feneal, Filca e Fillea scendono in piazza. Il 18 dicembre scioperano gli edili. Parteciperanno alla manifestazione nazionale anche 1.200 operai pugliesi.


edilizia-operaio-lavoro.jpg

Lavoro, contratto, salute, pensioni: questi i temi al centro dello sciopero nazionale dell’intero comparto dell’edilizia proclamato dalle segreterie Feneal-Uil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil per oggi, Lunedì 18 dicembre.

Così le sigle in una nota pervenuta in redazione:

“Una decisione non più rinviabile, nonostante i tentativi di intavolare la trattativa con le parti datoriali. Il Contratto nazionale di lavoro che regola il settore è scaduto da un anno e mezzo. Dopo più di mille assemblee nei cantieri nazionali e in assenza di segnali da parte delle associazioni di categoria, i tre sindacati hanno scelto di proclamare lo sciopero nazionale”.

Le ragioni della sciopero

Le manifestazioni in programma sono sei su scala nazionale: Padova, Torino, Roma, Palermo, Cagliari e Napoli. Gli edili pugliesi e meridionali (provenienti anche da Basilicata, Campania e Calabria) confluiranno a Napoli per chiedere:

  • aumenti salariali in linea con gli altri settori e finalizzati anche ad aiutare una ripresa dei consumi;
  • difesa e riforma delle Casse Edili a tutela di tutti i lavoratori contro il lavoro nero e per sostenere le imprese più serie contro la concorrenza sleale e il dumping;
  • più sicurezza sui posti di lavoro, contro gli infortuni e gli incidenti mortali;
  • la creazione di un Fondo Sanitario Integrativo Nazionale per tutelare sempre di più il diritto alla salute e alla prevenzione;
  • potenziare il Fondo integrativo per il Pensionamento anticipato.

A Napoli è in programma il comizio finale del segretario generale della Filca Cisl, Franco Turri.

edilizia-operaio-lavoro.jpg
Lavoratore edile, operaio (ph. da pixabay.com)

La crisi edile nel Salento

La crisi dell’edilizia in provincia di Lecce è conclamata. I dati (fonte Cassa Edile di Lecce) parlano chiaro: gli addetti sono passati da 10.103 a 5.474 nel giro di pochi anni, dal 2009 al 2016 (il calo degli addetti supera il 44%); il monte ore denunciato in Cassa Edile è sceso di oltre un terzo, passando da 11.816.374 nel 2009 a 7.631.828 di ore lavorate nel settore nel 2016. Giù anche il monte salari: da 78.148.203 di euro nel 2009 a 56.967913 di euro nel 2016.

Affermano i segretari generali provinciali Paola Esposito (Feneal-Uil), Donato Congedo (Filca-Cisl) e Simona Cancelli (Fillea-Cgil):

“In un settore in forte sofferenza come quello edile – i dati anche della nostra provincia testimoniano purtroppo questa realtà – non rinnovare il contratto significa scaricare ancora una volta il peso della crisi sull’ultimo anello del sistema ossia i lavoratori. Nella nostra provincia la situazione è aggravata ancor più dal blocco delle trattative del contratto integrativo provinciale scaduto da oltre due anni”.

Ultima modifica: 19 dicembre 2017 11:40

In questo articolo