Lecce, Di Piazza non recupera. Liverani: “a Trapani gara importante, ma non decisiva”

Per il big match di domani pomeriggio (ore 18.30), il tecnico romano dovrà fare a meno di Drudi e Di Piazza. Nella conferenza della vigilia: "non ci sarà una squadra che comanderà il match, dobbiamo essere bravi a capire le varie fasi".


Mister Liverani

Nulla da fare: Matteo Di Piazza non ce la fa per rimettersi in sesto. Troppo fastidiosa la distrazione muscolare di primo grado ai flessori della coscia destra per essere smaltita in 14 giorni. Così, dopo la bandiera bianca alzata prima del derby contro la Virtus Francavilla, il bomber salterà anche la trasferta di Trapani.

Il big match di domani pomeriggio, ore 18.30 – valido come anticipo della 22esima giornata di campionato – vedrà dunque il Lecce, capolista, rendere visita a una diretta concorrente per la vittoria del campionato: il Trapani, appunto, di mister Calori. Sarà una sfida forse cruciale per la stagione di entrambe le compagini: da una parte i giallorossi possono blindare il primato, dall’altra i granata non possono perdere ulteriore terreno dalla vetta, distante oggi 8 punti.

“Non credo che la gara di domani valga una fetta di Serie B – commenta mister Fabio Liverani – perché c’è anche il Catania e il posto per la promozione diretta è solo uno. Sarà però una partita importante: loro vorranno accorciare le distanze, noi vogliamo tornare dalla Sicilia con un risultato utile e per farlo servirà una prestazione degna di nota perché giocheremo su un campo caldo e difficile”.

“Dovremo essere bravi a capire i momenti”

Sul copione che seguirà il match Liverani non ha dubbi: “non credo che ci sarà una squadra che comanderà; noi dovemmo essere bravi anche a soffrire e resistere in alcuni momenti per poi essere cinici quando ne avremo la possibilità. Giocando con tranquilla e serenità potemmo dire la nostra: ma ripeto, non è una gara determinante”.

Tesse le lodi del prossimo avversario, il tecnico romano, riconoscendo tutti i loro pregi: “il Trapani – spiega – è una squadra che attacca con molti effettivi, con un parco attaccanti di qualità: sono costruiti per vincere. Chi temo di più? Difficile dirlo, ma per stima e affetto dico Reginaldo. E’ un elemento fuori categoria, lo conosco molto bene, abbiamo anche gioito insieme a Firenze in Serie A. Mi fa piacere vedere ex compagni ancora in attività, come me del resto: vuol dire che si lavora, si fatica grazie a questo sport ed è bello trovarsi su un campo e non per strada”.

Dubbi di formazione: servono 11 elementi al top

Sarà un Lecce che comunque dovrà fare i conti con qualche assenza: come la scorsa settimana, infatti, non solo Di Piazza, ma anche Drudi – ancora influenzato – non farà parte della spedizione siciliana. Liverani non nega un paio di ballottaggi. “Sì, ho dei dubbi perché un paio di situazioni sono da valutare: lo farò fino a domani mattina. Di certo servono undici elementi al massimo: sabato scorso qualcuno ha speso molto e deciderò parlando con i ragazzi e guardandoli in faccia”.

Un’altra insidia potrà essere riservata dal campo sintetico del “Provinciale” di Trapani. Il Lecce ha disputato in questa stagione una sola partita sull’erbetta sintetica, quella di Siracusa (con risultati convincenti): “ci siamo allenati in settimana a San Donato – dice ancora Fabio Liverani – ma non credo che inciderà molto. Certamente è un terreno più veloce e che per questo richiede velocità anche di pensiero“.

Contro i granata, infine, sarà l’ultima sfida del 2017, prima della lunga sosta invernale del campionato fino al 21 gennaio prossimo (data in cui al “Via del Mare” arriverà il Catania per una partita che saprà di Serie B). Liverani quindi traccia un primo bilancio della sua gestione: “il bilancio nella globalità lo reputo molto positivo, a prescindere dal risultato di domani che, qualunque sarà, non dovrà toglierci in meriti che ci siamo presi in questi mesi”.

I convocati

1 Chironi 2 Riccardi 3 Di Matteo 4 Mancosu 5 Cosenza 6 Arrigoni 7 Torromino 8 Costa Ferreira 10 Lepore 11 Pacilli 13 Valeri 14 Megelaitis 15 Marino 17 Lezzi 18 Caturano 20 Dubickas 21 Tsonev 22 Perucchini 23 Ciancio 25 Gambardella 29 Armellino 30 Persano 33 Centonze.

Ultima modifica: 28 dicembre 2017 14:42

In this article