V. Francavilla-Lecce 1-1, contro la Virtus è dominio giallorosso, ma nel recupero arriva la beffa. A Di Piazza risponde ancora l’ex Abruzzese

Nell'ultimo minuto di recupero il centrale ex Lecce regala il pareggio alla formazione brindisina. I giallorossi hanno dominato per l'intero arco della gara, ma la mancanza di cinismo li ha puniti. Scontri prima della partita. Sabato c'è il Trapani



Metabolizzato, si spera, il calcio di rigore fallito da Ciancio nei quarti di finale dei Play Off contro l'Alessandria; confermato in gran parte l'ottimo gruppo della passata stagione e compiuto gli innesti necessari affinché lo stesso potesse essere ulteriormente migliorato, il momento che tutti aspettavano, giocatori in primis, nel giorno in cui a Lecce si festeggia il Santo Patrono, è arrivato.
  
Questo pomeriggio, infatti, i giallorossi hanno dato il primo assalto alla conquista della promozione nel Campionato Cadetto sfuggita di mano nei cinque anni precedenti.
  
In un certo senso si è ricominciato da dove si era finito, dalla Virtus Francavilla, dalla partita in cui, la compagine salentina, dopo una sconfitta non si è più ripresa dalla botta subita lasciando al super Foggia campo aperto per conquistare la promozione in Serie B.
  
In occasione della sfida dello stadio "Fanuzzi" di Brindisi, mister Robertino Rizzo, si vede costretto a fare a meno di due pedine importantissime: il centrocampista Pedro Costa Ferreira e l'esterno d'attacco Mario Pacilli alle prese con alcuni guai muscolari, al loro posto l'allenatore di San Cesario schiera, rispettivamente, il neo arrivato Armellino e il capitano Franco Lepore che viene avanzato; per il resto l'undici iniziale è lo stesso previsto alla vigilia con: Perucchini tra i pali; difesa composta da Ciancio, Cosenza; Marino e Di Matteo; linea mediana con Armellino, Arrigoni e Mancosu;  Lepore, Caturano a Di Piazza a comporre il tridente d'attacco.
  
Prima della gara, purtroppo, si è registrato uno scontro avvenuto sulla superstrada Lecce-Brindisi, all'altezza di un distributore di benzina, che ha visto coinvolti i tifosi di entrambe le squadre. Sul posto sono intervenuti prontamente gli agenti di Polizia che sono riusciti a riportare la situazione alla normalità.
   
La prima occasione da gol arriva al quinto minuto, quando, su cross di Ciancio, bomber Caturano colpisce di testa, ma vede deviato in angolo la sua prodezza dall'estremo difensore brindisino Albertazzi. L'attaccante di Scampia ci prova in fotocopia al 13mo su cross di Di Matteo, ma la sfera termina a lato. Al 17mo Di piazza prova la girata di testa in area, ma anche questa volta il pallone termina a lato. Al 29mo, un retropassaggio di Maccarrone al portiere Albertazzi poteva costare caro agli uomini di D'Agostino, ma il giovane portiere riesce ad anticipare Caturano prima che questi potesse avventarsi sul pallone. Al 36mo il colpo di testa di Caturano su traversone di Lepore termina altissimo. Al 39mo arriva il primo cartellino giallo per i salentini. A finire sul taccuino del direttore di gara è Lepore per un fallo su Abruzzese. Al 41mo l'opportunità più ghiotta. Cross di Arrigoni per Di Piazza e colpo di testa a botta sicura dell'attaccante ex Foggia; Albertazzi, però, compie un miracolo e para il tiro del calciatore giallorosso. Al 43mo secondo giallo per i giallorossi. Mancosu falcia Saraniti e viene ammonito dall'arbitro.
  
Un Lecce che non è affatto dispiaciuto quello visto nel primo tempo, che ha creato un paio di occasioni per andare in vantaggio, senza mai subire il benché minimo rischio di subire marcature. Purtroppo il gol è mancato, anche perchè, forse, ci si sarebbe aspettato un pizzico di cinismo in più da parte delle punte.
  
La ripresa si apre con gli stessi ventidue della prima frazione. Al 50mo primo tiro all'indirizzo della porta giallorossa con un colpo di testa di Prestia parato senza difficoltà da Perucchini. Al 53mo il colpo di testa di Saraniti termina alto. Al 55mo i salentini potrebbero passare in vantaggi, ma solo davanti al portiere Di Piazza incespica sul pallone. Al 56mo Lecce vicinissimo al vantaggio. Corner di Lepore e colpo di testa del solito Di Piazza che termina di pochissimi centimetri a lato. Al 60mo, finalmente arriva il vantaggio giallorosso. Mancosu guadagna palla al limite dell'area e con un preciso traversone serve Di Piazza che solo davanti ad Albertazzi, con un piatto al volo di sinistro, deposita in rete. Al 69mo Salvatore Caturano ci prova dalla distanza, ma il solito Albertazzi si oppone con i pugni. Al 71mo brivido per il Lecce. Sicurella prende palla al limite e scocca un rasoterra che supera Perucchini, fortunatamente, il palo salva i giallorossi. I salentini dopo il pericolo si riprendono subito e continuano a tenere in mano il pallino del gioco senza subire ulteriori rischi. All'88mo la rasoiata del subentrato Costa Ferreira va a finire sul palo ad Albertazzi Superato. Al terzo minuto di recupero, però, arriva la beffa. Disattenzione della difesa Giallorossa e l'ex Abruzzese, come accaduto nella scorsa stagione, punisce i giallorossi che tornano a casa con un solo punto dopo un dominio assoluto.
  
(Le pagelle del Lecce. Leggi top e flop)

Una bella gara quella cui i ragazzi di mister Robertino Rizzo hanno dato vita. Il risultato è una vera beffa per gli uomini dell'allenatore di San Cesario puniti anche dalla mancanza di cinismo sottoporta, in una partita che, a parte il palo, aveva  registrato sulle dita di una mano i tiri in porta della formazione brindisina. Sabato prossimo esordio in casa per capitan Lepore e compagni, dove, al "Via del Mare" si presenterà il Trapani nel primo big match del campionato.

Ultima modifica: 15 settembre 2017 14:48

In questo articolo