Cena galeotta in riva allo Jonio. Barba incontra il Gallipoli Calcio e c’è già chi sogna…

Sono stati avvistati in un noto ristorante vicino alla Citta Bella i calciatori e i dirigenti del Gallipoli Calcio assieme al petroliere salentino. Molti tifosi parlano della rinascita di un grande amore.



Chi li ha visti a cena giura che il clima era quello complice dei grandi sodalizi che stanno per nascere o, forse sarebbe il caso di dire, rinascere. Già, perché, in riva alla Jonio a sedersi a cena intorno a un tavolo erano i calciatori del Gallipoli, lo staff tecnico e dirigenziale e l’imprenditore Vincenzo Barba, quel patron Vincenzo Barba che da presidente portò la squadra dall’Eccellenza addirittura al Campionato di Serie B.

La tavolata era festosa e il petroliere, al suo solito, non ha perso tempo per dare la sua proverbiale carica chiedendo ai ragazzi uno sforzo ulteriore per rendere questa stagione la prima di una lunga serie di annate memorabili.

Raggiunto al telefono, l’ex Senatore nicchia e cerca di svicolare: “Il Gallipoli è stato sempre il mio grande amore e non ho mai smesso di seguirlo, anche se a distanza, nemmeno per una sola partita. Ho certamente contribuito a scrivere alcune delle pagine più belle del nostro calcio, ma non sono uomo che vive di passato e penso sempre che il meglio debba ancora arrivare”.

Ma da qui a sbottonarsi su un impegno più o meno imminente a sostegno della squadra, magari con qualche ruolo dirigenziale, ce ne corre. Anche perché, cosa molto importante ‘Non ci si può certo liberare con un colpo di spazzola degli attuali e preziosi dirigenti’.

Il Gallipoli, a oggi, milita nel Torneo di Eccellenza Pugliese, occupa la seconda posizione in classifica a pari merito con il Bitonto ed è allenato dall’ex bomber Alberto Villa, tecnico emergente che ben figura in questa categoria.

Dire oggi se stia per rinascere il Gallipoli dei sogni è ancora presto, anche se è pur vero che tutto comincia sempre da una cena, da un appuntamento a tavola.

Chissà, a Gallipoli più di qualcuno sogna che l’artefice dei più grandi successi ritorni ancora ad entusiasmarsi al calcio. E allora sì che se ne potrebbero vedere delle belle.

Ultima modifica: 13 ottobre 2017 14:39

In questo articolo