Lecce-Virtus Francavilla 4-0, Torromino, Lepore e due volte Caturano regalano un poker da mettere sotto l’albero

I giallorossi rispondono per le rime al Catania vittorioso nel pomeriggio e, battendo la compagine della Valle d'Itria, conservano il vantaggio di tre punti sulla formazione etnea. Gara mia in discussione è chiusa dopo appena 46 minuti. Venerdì c'è il Trapani in trasferta.


lecce-virtus-francavilla

Mettere sotto l’albero una vittoria e regalare e regalarsi per la festa del Santo Natale tre importantissimi punti che consentirebbero di mantenere immutato il distacco nei confronti del Catania uscito vincitore dalla sfida di Fondi e dare il via nel migliore dei modi al girone di ritorno Campionato di Serie C.

Dopo il successo conquistato domenica scorsa con il Monopoli, questa sera, all’antivigilia di Natale i giallorossi sono scesi nuovamente in campo nella gara che li ha visti opposti alla Virtus Francavilla, compagine che l’anno scorso sancì la fine delle speranze di promozione diretta al torneo cadetto e che nel del campionato in corso di svolgimento riuscì a raggiungere il pareggio e servire la beffa, con la marcatura dell’ex Abruzzese, all’ultimo secondo utile di gioco.

In occasione della sfida con la compagine della Valle d’Itria, mister Fabio Liverani si vede costretto a fare a meno di bomber Matteo Di Piazza infortunato che, con ogni probabilità, tornerà disponibile l’anno prossimo dopo la pausa e sostituito stasera da Torromino e del difensore Mirko Drudi. Per il resto, nonostante qualche acciacco lamentato da alcuni calciatori nel corso della settimana, il tecnico romano vede tutti disponibili.

L’undici iniziale
Il Lecce, quindi, si schiera con il consueto 4-3-1-2 con: Perucchini tra i pali; difesa composta da Lepore, Riccardi, Cosenza e Di Matteo; linea mediana con Armellino, Arrigoni e Mancosu; Costq Ferreira a sostegno del tandem d’attacco Caturano-Torromino

Il primo tempo
Il primo tiro della gara è del Lecce a settimo di gioco a opera di Mancosu e termina alto. Al 14mo il tiro di Armellino viene rimpallato da un difensore avversario ed è facile preda di Albertazzi. Al 21mo la punizione dal limite di Folorunsho va a sbattere sulla barriera giallorossa.

Il gol del Lecce
Al 29mo il Lecce sbocca la gara è passa in vantaggio. Cross con il contagiri di Di Matteo per Torromino che, con una semi rovescia al volo di destro trafigge Albertazzi che nulla può sul tiro. In occasione della marcatura il numero 7 giallorosso viene anche ammonito dall’arbitro, perché, in un eccesso di esultanza si sfila la maglia.
Il Lecce continua ad attaccare e a 33mo Torromino viene anticipato all’interno dell’area di rigore prima che possa concludere da ottima posizione.

Il raddoppio giallorosso
Al 35mo arriva il secondo gol dei salentini. Caturano si invola sulla fascia e all’interno dell’area tira in porta, la palla viene rimpallata da un difensore avversario, il bomber di Scampia, però, recupera la sfera e la passa all’accorrente Lepore che con una botta di destro trafigge ancora l’estremo difensore biancazzurro.

Un ottimo Lecce quello visto nella prima frazione, attento in difesa, letale in attacco, abile nel possesso palla e in grado di segnare due grandissimi gol frutto, soprattutto delle ottime trame di gioco.

La ripresa
La ripresa si apre con una sostituzione per la Virtus con Valotti che prende il posto di Viola e, soprattutto, con il terzo gol dei giallorossi.

Caturano segna il terzo
Catturano, infatti, ruba palla in area di rigore e Prestia, in netto ritardo lo atterra. Per il sig Cipriani è penalty. Sul dischetto si presenta lo stesso bomber di Scampia che porta il risultato sul 3-0.
Al settimo salentini vicini al poker con la botta di Costa Ferreira respinta da Albertazzi in calcio d’angolo.

Il Lecce serve il poker
Al 16mo arriva il quarto gol dei salentini. Ripartenza dei giallorossi con Torromino che parte dalla 3/4 giallorossa e, giunto al limite dell’area, serve Caturano che prende la mira con un rasoterra di sinistro serve il poker.
Al 30mo salentini vicini alla cinquina con il colpo di testa del solito Caturano di poco a lato. Al 33mo il tiro di Saraniti termina alto. Al 45mo Lecce ancora vicino alla quinta marcatura con Caturano anticipato prima che posa ribadire in gol a porta vuota il pallone servitogli da Megelaitis.

Un bellissimo regalo che i tifosi potranno mettere sotto l’albero la gara giocata oggi dalla compagine di Liverani che ha risposto per le rime al Catania vittorioso nel pomeriggio contro il Racing Fondi. I giallorossi, infatti, oltre alla goleada, hanno dimostrato ottime trame di gioco e quella solidità che raramente si è vista negli anni precedenti. Una sfida condotta sempre all’attacco, senza alcuna palla sprecata e con un grande possesso. Gli allenamenti riprenderanno domani mattina in vista della sfida di venerdì sera contro il Trapani.

Tabellini
U.S. Lecce: 22 Perucchini, 2 Riccardi, 3 Di Matteo (28 St Valeri), 4 Mancosu (23 St Megelaitis), 5 Cosenza (23 St Marino), 6 Arrigoni (36 St Lezzi), 7 Torromino (11 St Pacilli), 8 Costa Ferreira, 10 Lepore (CAP), 18 Caturano, 29 Armellino
A disp.: 1 Chironi, 33 Centonze, 11 Pacilli, 13 Valeri, 14 Megelaitis, 15 Marino 17 Lezzi, 20 Dubikas, 21 Tsonev, 23 Ciancio, 25 Gambardella, 30 Persano
All.: Liverani

Virtus Francavilla Calcio: 1 Albertazzi, 21 Abruzzese (CAP) (37 pt Di Nicola), 35 Agostinone, 4 Prestia, 30 Maccarone, 25 Sicurella, 34 Monaco (31 St Ayina), 16 Albertini (19 Mastropietro), 20 Folorunsho 19 St Pino), 9 Saraniti, 10 Viola
A disp.: 22 Battaiola, 12 Colonna, 8 Biason, 7 Ayina, 11 Valotti, 2 De Toma, 5 Buono, 28 Mastropietro, 15 Del Vecchio, 13 Pino, 18 Di Nicola
All.: D’Agostino

Arbitro: Cipriani di Empoli
Assistenti: Pizzi-Perrotti

Marcatori: 30 pt Torromino (L) 35 pt Lepore (L) 1 St Caturano (L) (r) 16 St Caturano (L)

Note: ammonito 15 pt Monaco (VF) 30 pt Torromino (L) 41 pt Mancosu (L) 8 St Cosenza (L) spettatori 9.380 incasso 64.051,67 recupero 1 pt 3 St angoli 5-3 per il Lecce

Ultima modifica: 24 dicembre 2017 14:55

In questo articolo