A giugno crescono le tariffe hotel per le città Top Mare 2015, ma Otranto si mantiene accessibile

Stilata da prontohotel.it la classifica delle località turistiche più care e di quelle più accessibili dello Stivale. Nel Salento, Otranto si mantiene in perfetto equilibrio tra le due categorie con un aumento delle tariffe del 12,87%. C'è chi ha aumentato i prezzi del 30%.



Un tempo si diceva che le vacanze estive avevano inizio a giugno e terminavano a settembre. Bei tempi quelli in cui le ferie si potevano spalmare in archi temporali così vasti; adesso tutto si concentra e si riduce, soprattutto in termini di fruizione turistica, nel mese di agosto, con qualche punta interessante in qualche settimana degli altri mesi, con una crescita sempre maggiore degli appuntamenti last minute in settembre quando le tariffe cominciano a scendere. Effetto della crisi e di un comportamento più intelligente sul mercato da parte dei turisti-consumatori, che hanno imparato ad organizzarsi più e meglio per risparmiare e non rinunciare alle tanto agognate ferie fuori dalle proprie città.

Sta di fatto, comunque, che con giugno ha inizio la stagione balneare e che quindi confrontare i prezzi tra diverse località oppure tra le stesse località a distanza di 12 mesi, significa avere un quadro più chiaro sull’andamento dei prezzi e del mercato in generale.

Ci ha provato a fare questi raffronti il portale prontohotel.it , il primo motore di ricerca e confronto dei prezzi delle strutture ricettive, che ha confrontato i prezzi degli alberghi nelle città a maggiore vocazione e sviluppo turistico. Dal confronto di siti come booking.com, expedia, venere e tanti altri, è emerso che la località vacanziera più cara è Positano con un costo medio per una camera doppia standard per notte pari a 340 euro (quasi + 22% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso). La località più a buon mercato è invece Trapani, in cui una notte nella stessa tipologia ricettiva – camera doppia standard – costa solo 74,00 euro rispetto ai 78,00 di un anno fa (i prezzi nella località siciliana sono addirittura scesi del 2,63%).

Nel bel mezzo della graduatoria la città salentina di Otranto, con un prezzo medio per la doppia standard stimato in 123 euro, +12,87% rispetto ad una stagione fa. Aumenti contenuti dunque e prezzi tutto sommato accettabili, anche se deve essere ricordata la grande concorrenza a cui sono soggette le strutture ricettive da parte delle attività non alberghiere, in grado di applicare tariffe più contenute soprattutto nel mese di giugno.

Ultima modifica: 23 agosto 2017 17:10

In questo articolo