Sulle serre del Salento angoli di paradiso tutti da scoprire a pochi chilometri da Gallipoli

Itinerari tra mare ed entroterra, scenari mozzafiato e una terra che ha tanto da raccontare: è il Salento dove la vera ospitalità non manca come nella Masseria Sant'Eleuterio a Collepasso. Un luogo da scoprire.



C’è un luogo che nell’immaginario salentino è un punto alto, non solo per la vacanza, ma per la geografia che lo ha voluto il luogo più elevato del territorio provinciale. Si tratta del monte Sant’Eleuterio, un’altura significativa che domina l’alto Jonio sul versante gallipolino. E’ qui che d’estate si scorge quella sensazione di benessere che non t’aspetti, ma che con magnanima cortesia concede la collina.

Siamo a quasi 200 metri sul livello del mare, precisamente 196 metri, un’altitudine irrisoria per regioni montuose o collinari, ma singolare per il pianeggiante territorio della provincia di Lecce, che solo in rari casi sfiora queste altezze.

Al cospetto della”montagna” sorge una struttura immersa nel verde di ulivi secolari e che dal monte prende il nome. E’ il relais Masseria Sant’Eleuterio, struttura accogliente ed elegante dove trascorrere una vacanza tutta salentina.

Piace avere attorno una full immersion di campagna, con la terra rossa, i rovi, i muretti a secco e tutto il corredo scenografico che si addice al sud della Puglia.

Gallipoli dista una manciata di minuti in auto e il capo di Leuca è, tutto sommato, a portata di mano. Non lontano c’è Maglie che grazie a vie di collegamento agili e moderne può mettere comodamente in comunicazione i quattro angoli del Salento.

E’ il mare che ancora oggi spinge il turista a muoversi e magari a scegliere luoghi lontani dalle mappature tradizionali, ma forse per questo più interessanti e misteriosi, come il territorio leccese tutto, e come, in particolar modo, il versante sud occidentale della penisola dove il mare impone il suo seducente canto delle sirene. In un modo o nell’altro da qui non si può non passare. Poi si sognerà di ritornare presto, prima o poi.

Ultima modifica: 23 agosto 2017 13:40

In questo articolo