“Adotta una boa”, l’artista Emiliana Pede decora il centro storico di Castro

Emiliana Pede ha trasformato i gavitelli arenati sulle coste brindisine e leccesi in pezzi di arredamento. Le boe sono state rivestite con la tecnica dell’uncinetto

Crea accessori, riveste oggetti, regala nuova vita a materiali in disuso, realizza opere che raccontano storie del passato e invitano al riutilizzo di materiali e oggetti. Emiliana Pede, giovane artista artigiana di San Pietro Vernotico, con il progetto “Adotta una boa” ha decorato e abbellito le stradine del centro storico di Castro.

Dopo le meduse colorate dello scorso anno, che hanno animato la città, da sabato 17 luglio e fino al 17 settembre prossimo, sarà il borgo antico della “perla del Salento”, ad essere adornato con gavitelli colorati e rivestiti con la tecnica dell’uncinetto, un’antica arte tornata oggi di moda.

“Adotta una boa” il progetto Green della Perla del Salento

Ecco dunque il progetto ecosostenibile “Adotta una boa”, promosso dal comune di Castro e rappresentato in questa iniziativa dall’assessore alla Cultura e vice sindaco Alberto Antonio Capraro, riguardante la riqualificazione di boe da ormeggio recuperate sulle coste brindisine e leccesi durante l’inverno. Materiali compositi di difficile smaltimento che sarebbero finiti altrimenti in discarica o a decomporsi ed inquinare le zone sabbiose e dei mari del Salento.

Circa 25 i gavitelli perduti dalle imbarcazioni e giunti sui litorali costieri, dell’altezza di un metro e 30 e larghezza 50 cm, sono stati poi trasformati e ridecorati in oggetti simbolo del riciclo, per dimostrare come anziché essere destinati all’abbandono, questi oggetti possano ritrovare nuova vita trasformandosi in pezzi di arredamento che rendano ancora più belli i giardini, ristoranti, bar, le case e tutti i vari luoghi del paese.

Il progetto, inoltre, è rivolto anche agli operatori economici del territorio e a tutti i cittadini e i comuni limitrofi, con i manufatti colorati che potranno essere acquistati a un prezzo simbolico.

L’artigiana sampietrana Emiliana Pede che già aveva conquistato Castro con le caratteristiche meduse colorate, sagome di stoffa e pizzo colorate e luminose tutte da ammirare, esposte nel suo laboratorio del centro storico di Otranto “Trama”, torna con il progetto “Adotta una boa”, trasformando le scenografie del borgo salentino in opere innovative immortalate dai turisti.



In questo articolo: