Vaccini, la Puglia si affida al Capo della Protezione Civile per l’organizzazione e la logistica della campagna

All’assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco resta la gestione degli “aspetti scientifici e sanitari” della campagna vaccinale che in Puglia procede al ritmo di 20mila dosi al giorno

Mario Lerario

La campagna di vaccinazione in Puglia ha incontrato qualche ostacolo, soprattutto di comunicazione – come nel caso della circolare arrivata sul tavolo delle Asl che consentiva agli over 60 di presentarsi in uno degli hub allestiti senza prenotazione per ricevere una dose di vaccino Astrazeneca, poi ridimensionata “per classi di età” – ma ora sembra aver ingranato la marcia, pur tra le difficoltà legate sempre alle disponibilità di dosi di Pfizer e Moderna destinate agli ultraottantenni e alle persone fragili.

Un po’ di ritardo negli ultimi giorni lo ha guadagnato, ma forse per premere il piede sull’acceleratore e recuperare il tempo perso e la fiducia nei cittadini, il Governatore Michele Emiliano ha deciso di affidare al Capo della Protezione Civile regionale Mario Lerario l’organizzazione e la logistica della campagna vaccinale con l’obiettivo di raggiungere le 40mila somministrazioni al giorno.

«Stiamo rafforzando il numero di hub vaccinali e la presenza del personale: questo ci consentirà di aumentare il numero di vaccinazioni effettuate ogni giorno. Attualmente i vaccini che vengono effettuati hanno un target di 10-22mila dosi al giorno, l’obiettivo è salire. La capacità della Puglia è di oltre 40mila dosi al giorno, abbiamo il personale, abbiamo gli hub, mancano le dosi» ha dichiarato il Dirigente che ha voluto anche lanciare un invito ai cittadini.

«Tutti i vaccini autorizzati sono sicuri ed efficaci. L’appello a tutti i cittadini –  ha aggiunto –  è di confermare la propria partecipazione alla campagna vaccinale attraverso i canali istituzionali, questo permette di evitare le code e migliorare la pianificazione della gestione delle dosi».



In questo articolo: