Il caldo infernale di ‘Caronte’. Anche nel Salento temperature bollenti

Il caldo torrido, come ampiamente annunciato, è arrivato. Colpa di Caronte che causerà un aumento costantemente le temperature. Nel corso del weekend la colonnina di mercurio potrebbe raggiungere picchi altissimi, anche superiori ai 40 gradi.

Da oggi, esattamente da oggi, Caronte inizia a fare sul serio. E non c’è da sorprendersi, era atteso e puntualmente è arrivato. E poi, i metereologi, questa volta, lo avevano annunciato con largo anticipo: da mercoledì l’anticiclone africano sarà il principale responsabile dell’aumento delle temperature che saliranno costantemente fino a raggiungere, nel weekend, valori massimi vicini ai 40° in molte città italiane, se non addirittura superiori nelle ore clou della giornata. Soprattutto al Centro-Sud, l’ondata di aria calda proveniente dall’entroterra algerino, farà schizzare all’insù l’asticella della colonnina di mercurio con tutte le conseguenze che una simile canicola può scatenare.  L’afa, infatti, creerà non pochi problemi a causa dell’elevato tasso di umidità che farà percepire le temperature più alte di 4/6 gradi rispetto a quelle reali.
 
La Puglia, ed il Salento in particolare, non è di certo esente. Si dovrà convivere con quest’inferno almeno fino al 23 luglio quando Caronte causerà quella che in gergo viene definita ‘Hot Storm’, una tempesta di nubifragi e anche possibili tornado che interesseranno soprattutto il Nord.
 
Insomma, insieme all’annuncio del gran caldo arrivano puntuali anche i consigli per affrontarlo al meglio. Seppur ridondanti è bene ripeterli sempre: bere molta acqua, mangiare frutta e verdura, evitare (se possibile) di uscire nelle ore più caldi della giornata, rinfrescarsi con una doccia, indossare abiti leggeri e coprirsi la testa con un cappello di colore chiaro. Ovviamente, anche questo è scontato, le categorie più sensibili, saranno anziani e bambini. 
 
È luglio, fa caldo, è giusto che sia così. Chi si ‘lamenta’ dovrebbe rispolverare il ricordo della scorsa estate.



In questo articolo: