“La legalità a portata di click”, prosegue la campagna di sensibilizzazione del Commissariato di Gallipoli

Gli agenti della Sezione per la Sicurezza Cibernetica, Polizia Postale e delle Comunicazioni, hanno incontrato gli studenti delle scuole medie

Il Commissariato di Polizia di Stato di Gallipoli, diretto dal Vicequestore Monica Sammati, nelle scorse settimane ha avviato una campagna di sensibilizzazione, nell’ambito di un progetto dal titolo “La legalità a portata di click”, finalizzato alla divulgazione del concetto di legalità, a tutela delle fasce più vulnerabili, come gli anziani e i giovani adolescenti.

Dopo aver affrontato la tematica delle truffe, nella giornata di oggi gli agenti hanno coinvolto gli studenti delle scuole medie e superiori della “Città Bella”, sul tema del bullismo e cyberbullismo e, in generale, su tutte quelle insidie che viaggiano sulla rete e che, in alcuni casi, hanno anche rilevanza penale e costituiscono ipotesi di reato.

Nel corso della giornata di formazione che ha avuto come sottotitolo “Un click da proteggere per continuare a sorridere. I social network custoditi dalla legalità”, preziosi sono stati gli interventi degli esperti della specialità della Polizia di Stato appartenenti alla Sezione Operativa Distrettuale per la Sicurezza Cibernetica – Polizia Postale e delle Comunicazioni di Lecce che hanno parlato dei reati che sono particolarmente diffusi tra gli adolescenti, tra cui il cyberbullismo, l’adescamento on line e l’estorsione sessuale.

Oggetto dell’intervento degli specialisti sono stati, ovviamente, anche la trattazione delle fonti di rischio connesse all’uso delle piattaforme sociali e, più in generale, di internet.

Ancora una volta la campagna di sensibilizzazione ha evidenziato come sia fondamentale fare buon uso della tecnologia.

Sul punto, un esempio è rappresentato dall’utilizzo dell’app “You Pol” che permette di interagire con la Polizia di Stato, inviando segnalazioni (video, audio, immagini e testi) relativamente a spaccio di droga, bullismo e violenze domestiche.

Tutto anche in forma anonima.



In questo articolo: