‘Nano nano’ mister Mork. Morto l’attore Robin Williams

Il Premio Oscar soffriva da tempo di depressione e si sarebbe suicidato. Aveva raggiunto l’apice del successo con il film ‘Good morning Vietnam’ e nel ’98 aveva ricevuto la prestigiosa statuetta dell’Accademy

La prima apparizione al pubblico risale ad un episodio della fortunatissima serie televisiva ‘Happy days’, nella quale, il suo personaggio, un simpaticissimo alieno di nome Mork, proveniente dal pianeta Ork, appariva in sogno al protagonista della serie Richie Cunningham.

Pochi anni dopo a quel simpatico extraterrestre sarebbe stata dedicata una serie dal titolo “Mork e Mindy”, anche quest’ultima, come la precedente, baciata dalla fortuna degli ascolti.

È stato questo il trampolino di lancio per Robin Williams che, con gli anni, in una serie di pellicole cinematografiche ha dimostrato la sua poliedricità, passando indistintamente da ruoli comici – quelli con cui aveva iniziato la carriera – a quelli drammatici che lo hanno consacrato nell’Olimpo della cinematografia.

Tra i personaggi che più lo hanno reso noto quello del simpatico Dj, Adrian Cronauer impegnato a sollevare il morale delle truppe statunitensi nella pellicola ‘Good morning Vietnam, o quella del prof. Keating ne ‘L’attimo fuggente’ e, infine, infine lo psicologo Sean McGuire in ‘Will Hunting genio ribelle’ al fianco di due giovanissimi Matt Damon e Ben Affleck. Quest’ultimo ruolo glie è valso l’Oscar come migliore attore non protagonista.

Da tempo, però, il grande attore soffriva di depressione e, molto probabilmente, è stata questa a portarlo ad un gesto estremo.

Nella giornata di ieri, il corpo senza vita di Robin Williams è stato rinvenuto dai vigili del fuoco nella sua casa di Tiburon in California alle ore 12:00.

Il medico legale ha attribuito preliminarmente la causa del decesso ad asfissia per sospetto suicidio,  il caso è tuttavia in indagine presso l'ufficio del Procuratore distrettuale.