Si scrive porcellini di terra ma si legge ‘iermi coculi’. L’importanza dell’armadillidium vulgare per l’ecosistema

Viaggio nella fauna salentina. I porcellini di terra sono chiamati ‘iermi coculi’, ovvero vermi che si racchiudono, per la loro attitudine di appollottolarsi nel momento in cui vengono disturbati o percepiscono il pericolo

L’armadillium vulgare o ‘porcellino di terra‘ fa parte dell’ecosistema salentino. Secondo diversi studi è un animale importantissimo perchè è un vero e proprio accumulatore di metalli pesanti quali rame, zinco, piombo e cadmio dai quali ripulisce il terreno. Sono dunque autentici ‘spazzini’ questi crostacei dell’ordine degli isopodi e vivono in ambienti umidi nutrendosi di detriti organici. I salentini li chiamano ‘iermi coculi’, ovvero vermi che si racchiudono, per la loro attitudine di appollottolarsi nel momento in cui vengono disturbati o percepiscono il pericolo.

Non si tratta di animali infestanti, anzi proteggono le piante da cocciniglie e altri parassiti. L’onisco, così si chiama anche, può arrivare a una lunghezza massima di 18 millimetri e durante l’inverno entra in uno stato di dormienza che gli rende possibile sopportare temperature che altrimenti gli sarebbero letali.



In questo articolo: