Coronavirus, la Puglia come ha gestito l’emergenza? Da uno a dieci, quattro secondo un sondaggio

I cittadini pugliesi chiamati a giudicare la gestione dell’emergenza in una scala da uno a dieci hanno “condannato” la Puglia all’ultimo posto della classifica

«In generale come giudica la gestione dell’emergenza nella sua regione in una scala da uno a dieci?». È stata questa la domanda del sondaggio Emg/Adnkronos che ha stilato una classifica in base alle risposte dei cittadini. E il giudizio della Puglia non è dei migliori tant’è che con il suo 4,24 si piazza all’ultimo posto, preceduta da altre due regioni del sud: Calabria e Sicilia. Male anche il giudizio sulla campagna vaccinale. Alla domanda « Come giudica la gestione del piano vaccinazioni nella sua regione in una scala da 1 a 10?» i pugliesi sono rimasti coerenti: 4,24. Ultima anche in questo caso.

Il sondaggio

Il sondaggio, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne per sesso, età, regione, classe d’ampiezza demografica dei comuni, è stato realizzato tra il 12 e il 14 aprile 2021 con il metodo della rilevazione telematica su panel, su un campione di 1.582 casi (universo: popolazione italiana maggiorenne) e presenta un intervallo fiduciario positivo/negativo del 2,3%. Totale contatti: 2.000, tasso di risposta 79%; rifiuti/sostituzioni 418 (tasso di rifiuti 21%).

La classifica finale nella gestione dell’emergenza

Al primo posto si piazza il Trentino Alto Adige con 7,50 seguito dal Lazio con 7,19 e dal Veneto con 6,90. Un gradino sotto all’ipotetico podio, si trovano la  Liguria con 6,79, il Molise con 6,67, la Basilicata con 6,53 e l’Emilia Romagna con 6,09. Non hanno raggiunto la sufficienza: Marche 5,97 – Piemonte 5,96 – Sardegna 5,86 – Valle D’Aosta 5,80 – Campania 5,77 – Toscana 5,71 – Abruzzo 5,61 – Umbria 5,41 – Lombardia 5,34 – Friuli Venezia Giulia 5,26. Ultime per consensi tre regioni del sud: Sicilia 5,11 – Calabria 4,79 – Puglia 4,24



In questo articolo: