Una giornata a stelle e strisce al “Presta-Columella”. Il futuro del Salento si scrive qui

Grazie al progetto Fulbright Commission, i ragazzi dei Settori Agrario e Alberghiero del “Presta-Columella”, hanno incontrato Shawn Baxter, Console per la Stampa e la Cultura presso il Consolato Generale USA a Napoli

console-americano

Nell’aula magna della sede centrale dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Presta-Columella” di Lecce, la mattina del 13 dicembre, si respirava un’aria d’oltreoceano. È stato come immergersi in un’atmosfera dal sapore internazionale. Fuori dal comune.

Docenti e studenti che parlavano inglese, slides di presentazione in inglese e un ospite d’eccezione: americano. Ad incontrare, infatti, i ragazzi dei Settori Agrario e Alberghiero del “Presta-Columella”, Shawn Baxter, Console per la Stampa e la Cultura presso il Consolato Generale USA a Napoli.

La visita del Console è stata condotta nell’ambito del progetto della Fulbright Commission, che ha scelto l’Istituto “Presta-Columella” per l’assegnazione di un borsista americano, Daniel Heim, quale “English Speaking Assistant”.

Fulbright Commission

L’ iniziativa americana della Fulbright Commission permette agli studenti italiani di poter usufruire di un assistente madrelingua inglese per tutto l’anno scolastico, in classi selezionate secondo criteri stabiliti dalla stessa Commissione e dal Miur.

Durante l’incontro con il Console Shawn Baxter, gli studenti dell’Accoglienza Turistica hanno presentato, in lingua inglese, tutte le attività didattiche svolte con Daniel Heim, il ragazzo americano che sta vivendo a Lecce, da studente, la sua esperienza italiana.

Orgogliosi gli insegnanti e il Dirigente del “Presta-Columella”, l’Ing. Prof. Salvatore Fasano, poiché lo stesso Console ha sottolineato, alla presenza anche del prof. Vincenzo Melilli, dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, come le domande, formulate in inglese dagli studenti, siano state di particolare interesse.

Shawn Baxter è rimasto particolarmente colpito dalla vivacità e dalla creatività degli studenti, tanto da rendersi disponibile a supportare, anche con l’aiuto di altri uffici consolari, futuri scambi tra studenti americani e italiani del settore agrario e alberghiero.

Lo sviluppo del territorio passa da qui

Non vi è dubbio che l’attività formativa del “Presta-Columella” sia di primaria importanza perché svolta in due ambiti fondamentali per il Salento: il turismo e l’agricoltura.

Una sempre maggiore professionalità per le figure che domani opereranno per lo sviluppo del settore turistico e rurale, appare sicuramente l’unica chance per il nostro territorio.

Ed è in questi luoghi, che attraverso il confronto con altre realtà, attraverso lo studio e la formazione innovativa, che si può scrivere e riscrivere il futuro di questa terra.

Un confronto necessario ribadito da Shawn Baxter che ha auspicato ulteriori collaborazioni con lo stesso Consolato o con altri enti americani per promuovere il territorio salentino, i suoi prodotti e le sue ricchezze artistiche e culturali.

Il Console ha voluto sottolineare che Lecce e il Salento, nonostante la loro indiscutibile bellezza, siano difficili da raggiungere, per la loro posizione geografica e per le infrastrutture ancora troppo carenti.

E questo, anche se risaputo, è comunque brutto sentirselo dire. Già, perché quello dei trasporti è ormai un problema grosso come un macigno che tiene schiacciato il Salento in un limbo.

Tuttavia Lecce, i suoi borghi contadini e le sue belle marine, diventano sempre più spesso meta di turisti americani che si trovano già in Italia.

La nostra intervista

Al termine della mattinata e prima del pranzo preparato per gli ospiti della giornata a stelle e strisce dagli alunni del settore Sala e Ricevimento, Leccenews24.it ha incontrato il Console americano Shawn Baxter, dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, Vincenzo Melilli e il Dirigente del “Presta-Columella”, prof. Salvatore Fasano.

Mr. Baxter, quanto contano le relazioni che possono nascere in queste circostanze e come guarda al Salento il Consolato americano?

Queste opportunità sono estremamente importanti soprattutto per i giovani studenti. Personalmente sono stato felice di essere riuscito a visitare Lecce, dopo aver pianificato il viaggio da oltre un anno. Ma come ho avuto modo di dire durante il confronto con i ragazzi, i collegamenti tra il Salento e città come Napoli, non sono facilitati. Ho apprezzato nel mio giro una città veramente molto bella e la mia speranza è quella che altri “officer” possano venire dal Consolato americano di Napoli per conoscere questo territorio che è veramente straordinario per le bellezze che offre a livello paesaggistico, di storia e di cultura.

Console, cosa ricorderà di questo incontro con gli studenti del “Presta-Columella”?

Sono molto contento di come sia andato il confronto con gli studenti perché le domande dei ragazzi sono state interessanti, centrate e puntuali. Mi ha colpito soprattutto l’interesse mostrato da questi giovanissimi studenti rispetto alle relazioni commerciali e agli scambi culturali tra Stati Uniti e Salento.

Concludo dicendo che la mia è stata sicuramente un’esperienza positiva e a questi ragazzi, e anche ai loro professori, vanno i miei complimenti per l’ottima preparazione che hanno dimostrato di possedere.

Professore Melilli, in qualità di dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, quanto sono importanti incontri come questi organizzati con gli studenti?

Direi che queste sono occasioni importantissime per due motivi: il primo è che sono ottime opportunità per i nostri ragazzi che confrontandosi con realtà che non sono locali hanno la possibilità di aprire le loro menti e quindi di vedere e conoscere realtà al di fuori del proprio contesto, sviluppando una consapevolezza più globale. Il secondo motivo è che questi incontri consentono di far conoscere e di veicolare le bellezze del nostro territorio in tutto il mondo.

Dirigente Fasano, quanto contano le sinergie che nascono da queste attività e da incontri di questo livello?

Posso dire che sono indubbiamente importantissime. Tra l’altro, oggi, il Salento ripone la sua speranza nel turismo e nell’ospitalità ma questa speranza richiede un alto grado di professionalità, richiede la conoscenza delle lingue e soprattutto richiede la conoscenza della propria cultura e di quella di altri Paesi. Ecco perché noi abbiamo il dovere di non insegnare solo le tecniche, siano esse di agricoltura, di sala o di cucina.

In questo ci sono d’aiuto le nuove direttive del MIUR che allarga l’orizzonte e va oltre le relazioni con i Paesi dell’Unione Europea consentendo l’ospitalità di studenti madrelingua da oltre oceano, come il nostro Daniel.

Vorrei anche segnalare una rete nata recentemente che porterà i nostri studenti di Agraria in Brasile.

intervista-console
Il dirigente del Presta – Columella, prof. Fasano, il dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, prof. Vincenzo Melillo e il Console americano Shawn Baxter

Questa giornata resterà impressa nel cuore degli studenti dell’ I.I.S.S. “Presta-Columella”, ma non rimarrà un’esperienza isolata perché i professori sono sempre in prima linea per nuovi progetti e nuove attività.

Prima di congedarsi, il Console Shawn Baxter ha avuto modo di gustare i piatti raffinati preparati e serviti con grande eleganza e originalità dai futuri chef, accompagnando il tutto con vini pregiati del Salento, suggeriti dai giovanissimi sommelier.

See you soon, America!