Case-vacanze abusive in località “Marina dell’Aia”? Chiusa l’inchiesta con 49 indagati

In base a quanto contestato dalla Procura, l’Ufficio Tecnico di Diso avrebbe rilasciato i permessi di costruire senza avere acquisito il parere della Sovrintendenza

Chiusa l’inchiesta che, nel maggio scorso, culminò con il sequestro di 17 case-vacanze, in località Acquaviva. L’avviso di conclusione delle indagini porta la firma del pubblico ministero Maria Vallefuoco. Tra gli indagati compaiono: Alessandro Arseni, di 70 anni, dirigente pro-tempore e responsabile del procedimento e la responsabile Maria Antonietta Arseni, 63 anni, entrambi componenti dell’ufficio Tecnico del Comune di Diso. E poi, progettisti, direttore dei lavori, titolari di imprese e committenti.

Rispondono dell’ipotesi di reato di lottizzazione abusiva, in un’area di circa 25mila metri quadrati denominata “Marina dell’Aia” e sottoposta a vincolo paesaggistico.

In base a quanto contestato dalla Procura, l’Ufficio Tecnico di Diso avrebbe rilasciato i permessi di costruire senza avere acquisito il parere della Sovrintendenza archeologica, Belle arti e Paesaggio e senza aver sottoposto il progetto a procedura di Valutazione ambientale strategica (Vas). In base agli accertamenti investigativi, inoltre, le opere sarebbero state realizzate con riporti e sbancamenti non consentiti in quell’area.

Ricordiamo che, il 18 maggio scorso, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Lecce hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo, richiesto dal pm Maria Vallefuoco ed a firma del gip Giulia Proto.

Gli indagati hanno venti giorni a disposizione per chiedere di essere interrogati o produrre memorie difensive.

Sono difesi dagli avvocati: Silvio Verri, Gianluca D’Oria, Salvatore Corrado, Amilcare Tana, Sergio Luceri, Luigi Corvaglia, Luciano Ancora, Luigi Covella, Francesco Baldassarre, Alessandro Caggia, Simona Tommasa Mancini, Simona Carrozzo, Oronzo Valentino Maggiulli, Angelo Oliva, Antonio Quinto,, Luca Puce, Aurelio Elia, Roberto Marra, Paride Cesare Cretì, Luigi Fersini, Leo Marseglia.



In questo articolo: