Lecce, una coppia invita dei ragazzi a usare la mascherina ma viene aggredita per strada

È successo nelle vie del centro del capoluogo salentino, dove un uomo e una donna hanno chiesto a un gruppo di ragazzi di usare la mascherina, scatenando una violenta reazione.

Doveva essere un venerdì sera come un altro, nel pieno rispetto delle norme per il contenimento di contagio da Covid-19, ma non per tutti è stato così. È stata aggredita l’altro ieri, 16 ottobre, una coppia a Lecce per il solo fatto di aver chiesto ad un gruppo di ragazzi di indossare la mascherina.

Erano le 21:15 circa quando si sono verificati i fatti nei paraggi di un noto ristorante del capoluogo barocco, appena fuori dal centro della città. Mentre la coppia, un uomo e una donna sulla cinquantina, passeggiava dei ragazzi proprio sulla loro strada non indossavano la mascherina. Per questa ragione, la signora ha chiesto ai ragazzi di mettere il dispositivo di protezione individuale.

Non è piaciuta la richiesta alla comitiva di giovani che ha subito iniziato una discussione con i due. E dalle parole sono passati ai fatti, spintonando il signore e gettandolo a terra. L’uomo ha sbattuto la testa al suolo, rimanendo stordito per alcuni minuti a causa di una escoriazione nella parte occipitale da cui fuoriusciva del sangue.

L’autore del gesto si è subito dato alla fuga, inveendo contro l’uomo appena spintonato, mentre sono stati gli altri passanti a chiamare i soccorsi. Intanto, la proprietaria del noto ristorante leccese che ha assistito alla scena fuori dal suo locale, ha aiutato il malcapitato, portando dell’acqua per sciacquare la ferita. Sul posto sono subito intervenuti gli uomini del 118 che hanno portato il signore aggredito in ospedale e gli agenti di Polizia che hanno, invece, raccolto le testimonianze.