Percepiva il Reddito di cittadinanza, ma possedeva beni e svolgeva l’attività di imprenditore. Denunciato

L’uomo, nel corso del tempo, ha incassato la somma di 13mila euro che ora dovrà restituire. La scoperta a seguito delle indagine della Guardia Costiera.

Secondo quanto emerso dalle indagini, un imprenditore del settore marittimo ha indebitamente percepito sin dal 2020 il reddito di cittadinanza, intascando una somma che si aggirerebbe intorno ai 13mila euro e che adesso dovrà restituire all’erario.

L’uomo è stato infatti deferito all’Autorità Giudiziaria per violazioni al Decreto Legge 28 gennaio 2019, n. al termine di una complessa attività investigativa svolta dai militari della Guardia Costiera di Otranto, avviata nel corso dell’inverno del 2021 sotto il coordinamento del Sostituto Procuratore Simona Rizzo.

L’imprenditore, possedeva beni che erano motivo di impedimento per il pagamento del beneficio. Ma non solo, per le attività commerciali svolte, non utilizzava i propri conti correnti, ricorrendo invece a quelli di alcuni parenti.

Attualmente denunciato a piede libero, il lavoratore autonomo dovrà rispondere di quanto indebitamente dichiarato davanti all’Autorità Giudiziaria, che nel frattempo ha sospeso l’erogazione del contributo e la restituzione delle somme fino a ora percepite.



In questo articolo: