Pensano di fuggire con 40mila euro di scarpe e abbigliamento, ma vengono sorpresi e finiscono nei guai

Avevano preso di mira un’azienda di scarpe e abbigliamento, ma la ‘banda’ non ha fatto in tempo a fuggire con il bottino del valore di 40mila euro.

Avevano scelto come obiettivo un’azienda di calzature e abbigliamento attualmente sottoposta a pignoramento a causa di un processo civile in corso presso Tribunale Lecce, ma qualcosa durante il colpo nell’immobile che si affaccia nella zona industriale di Casarano è andato storto tant’è che, alla fine, la banda è finita nei guai oltre ed è rimasta a mani vuote.

Il bottino, del valore di circa 40mila euro, è stato recuperato dagli uomini in divisa che hanno arrestato, in flagranza di reato, tutti i componenti. Si tratta di Fernando Russo, 58enne di Cutrofiano, di Maurizio Coccioli, 55enne di Corigliano d’Otranto e di Maurizio Bisanti, 50enne anche lui di Cutrofiano. Ora dovranno difendersi dall’accusa di furto aggravato. Lo stesso reato è stato contestato anche ad un 20enne di Cutrofiano, deferito in stato di libertà.

I fatti

Le lancette dell’orologio avevano da poco segnato le 14.00, quando gli uomini della locale compagnia si sono precipitati in via Torino, nella zona industriale di Casarano, dove si trova l’immobile preso di mira. Poco prima, infatti, il gruppetto si era introdotto all’interno riuscendo ad impossessarsi di un notevole quantitativo di scarpe ed abbigliamento. I militari, come detto, sono riusciti a fermare i malviventi, recuperando l’intera refurtiva, del valore di circa 40mila euro. Una volta ‘riconosciuta’, la merce è stata restituita al rappresentante legale della società “visitata”.

Una volta concluse le formalità di rito, i tre arrestati sono stati ‘riaccompagnati’ a casa dove dovranno restare in regime di arresti domiciliari.



In questo articolo: