Maltempo, ad Ugento il forte vento di scirocco colpisce la stazione e il cimitero: abbattute vetrate ed alberi

Enormi tornado colpiscono il cuore del Salento, con gravi danni per il forte vento di scirocco. La Protezione civile raccomanda massima prudenza negli spostamenti.

Il maltempo di queste ore ha già lasciato segni indelebili del suo passaggio. In particolare, il forte vento di scirocco che sta flagellando il Salento ha causato gravi danni su tutto il territorio, soprattutto sui comuni del Basso Salento, dove si registrano cadute di alberi, cartelloni, pali e fili dell’Enel, in particolare sulla strada provinciale 361 che collega Collepasso a Parabita.

Danni a Cavallino, più precisamente nella zona del parco commerciale, tra Galatina e Noha dove il vento ha persino sradicato alcuni ulivi e ad Alezio. Ma l’elenco di casi non termina qui: anche sulla Casarano-Taurisano una tromba d’aria, con la violenza di un tornado, ha distrutto qualunque cosa si sia trovata di fronte.

La perturbazione non ha risparmiato nemmeno il comune di Ugento, in particolare il cimitero – dove le forti raffiche di vento hanno sradicato numerosi alberi, danneggiato molte lapidi e fatto frantumare alcune vetrate – e la stazione ferroviaria, proprio al confine con Taurisano.

A correre ai ripari, in questo caso, è il gruppo “Ugento nel cuore” che attraverso Angelo Minenna chiede al sindaco Massimo Lecci di valutare i presupposti per chiedere lo stato di calamità naturale o altra forma di indennizzo per il territorio.

“Va dato atto e merito alla Protezione civile locale – spiega Minenna – per aver diramato ampiamente l’allerta meteo auspichiamo che si sia riunito il Centro Operativo Comunale di Ugento per ogni opportuna misura di sicurezza e prevenzione da adottarsi nelle prossime giornate”.



In questo articolo: