Minorenne perseguitata e picchiata per questioni di gelosia? Nei guai due ragazze per stalking e lesioni

Una 19enne, non accettando la frequentazione con il suo ex fidanzato, si sarebbe vendicata con la complicità di una coetanea.

Finiscono nei guai due ragazze, accusate di una “vendetta d’amore” ai danni di una minorenne. Il gup Laura Liguori ha accolto la richiesta di rito abbreviato condizionato all’ascolto di un testimone per una 19enne leccese. L’imputata è difesa dall’avvocato Dario Congedo. La presunta vittima (ora maggiorenne) si è costituita parte civile con l’avvocato Pierpaolo Patti (sostituito in udienza dall’avvocato Chiara Fanigliulo).

L’udienza è fissata per il 20 giugno dinanzi al gup Sergio Tosi, quando verrà ascoltato il testimone.

Invece, l’amica, anch’essa 19enne e residente a Lecce, la cui posizione era stata stralciata, ha  patteggiato ad 1 anno e 6 mesi di reclusione (pena sospesa e non menzione). La giovane è assistita dall’avvocato Sebastiano Conte.

Le due amiche rispondono delle accuse di stalking e lesioni personali. Per entrambe venne anche applicato il divieto di avvicinamento alla persona offesa con ordinanza a firma del gip Angelo Zizzari.

Le accuse

I fatti si sarebbero verificati a Lecce tra i mesi di agosto agosto e dicembre del 2022.

Secondo l’accusa, rappresentata dal pubblico ministero Giorgia Villa, la 19enne, non accettando la frequentazione in due isolate occasioni con il suo ex fidanzato ( con il quale aveva nel frattempo riavviato la relazione), da parte della 17enne, l’avrebbe perseguitata attraverso una lunga serie di appostamenti e pedinamenti e l’avrebbe anche picchiata in varie circostanze. E si sarebbe avvalsa della “collaborazione” di una sua amica. La giovane sarebbe stata anche insultata e minacciata in luoghi pubblici. Non solo, poiché le due 19enni si sarebbero appostate anche nei pressi della scuola frequentata dalla ragazzina e di un bar di Lecce e nei pressi della fermata del bus. I pedinamenti sarebbero invece avvenute nelle vie del centro storico. E a volte entrambe avrebbero perseguitato anche un’amica della 17enne, che cercava di difenderla dalle ripetute aggressioni. Quest’ ultima sarebbe stata a sua volta aggredita, dalle due amiche.

In alcune occasioni sarebbe stato necessario anche l’intervento delle forze dell’ordine, allertate dalle due ragazze.

In una occasione, la 19enne si sarebbe recata in monopattino fuori dalla scuola della presunta  “rivale in amore”. E dopo averla insultata, l’avrebbe colpita con uno schiaffo e tirata per i capelli, facendola cadere per terra e infierendo con una serie di calci. A quel punto, sarebbe intervenuta l’amica della 17enne, interrompendo l’aggressione. Dopo le ripetute aggressioni è scattata la denuncia.

 

 

 



In questo articolo: