Rissa tra cittadini pakistani in Via Duca degli Abruzzi, due feriti e quattro indagati

Nella colluttazione uno dei quattro ha riportato la frattura di un ginocchio con una prognosi di 30 giorni, un altro ferite lacero contuse alle mani.

Nella serata di ieri, alla Questura di Lecce, sull’utenza del 113 è giunta una telefonata nella quale si è segnalata, in via Duca degli Abruzzi, una rissa tra più persone extracomunitarie.

Gli agenti della Sezione Volanti intervenuti sul posto hanno appurato era appena terminata una colluttazione che aveva coinvolto quattro cittadini pakistani, tre dei quali fratelli, tra i quali due minori di età.

L’azione violenta, avvenuta sul marciapiede antistante un salone per parrucchiere, ha avuto origine da una reazione spropositata di un pakistano, proprietario dell’immobile in cui ha sede il negozio che, avendo notato che i fratelli chiudendo il loro minimarket avevano posizionato il carrellato per la raccolta differenziata troppo a ridosso dell’ingresso, ha inveito contro di loro, rovesciando per terra il bidone.

Gli spintoni reciproci e le percosse hanno causato lesioni pari a trenta giorni al proprietario del salone, attualmente ricoverato presso l’Ospedale di Scorrano per una frattura al ginocchio; mentre uno dei tre fratelli, diciannovenne, trasportato presso l’Ospedale di Lecce, ha subito una prognosi di quattro giorni per ferite lacero contuse alle mani.

Tutte le persone coinvolte sono state indagate in stato di libertà per rissa aggravata.



In questo articolo: