Giornata Mondiale della Terra, Nardè² ospita la terza edizione

Questa mattina a Palazzo Adorno si è¨ tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’evento che quest’anno, per la sua terza edizione, si svolgerà a Nardè².

Spronare ogni singolo cittadino affinché, nelle piccole come nelle grandi cose, ponga al centro del proprio comportamento il rispetto della natura. È questo uno degli obiettivi prioritari che la Provincia di Lecce si è prefissata nell’organizzare la Giornata Mondiale della Terra 2014. Istituito dal Consiglio provinciale di Lecce nel 2012, su sollecitazione del difensore civico, Giorgio De Giuseppe, che ha fortemente voluto “portarlo” nel Salento, l’importante appuntamento sarà celebrato per la terza volta sul territorio salentino, lunedì 28 e martedì 29 aprile.

Tutto questo quasi in concomitanza con quanto avviene già in altri 200 Paesi che, ogni anno e nello stesso giorno, il 22 aprile, si mobilitano per organizzare e promuovere iniziative a sostegno della protezione e della sostenibilità ambientale, al fine di sollecitare il responsabile ed attivo contributo di tutti alla difesa della natura ed alla salvaguardia dell’ambiente. Giornate in cui amministratori e cittadini sono invitati a riflettere insieme sul futuro del pianeta.

Per questa terza edizione leccese, è stato scelto il Comune di Nardò per organizzare l’evento. Dopo Casarano e Lecce, infatti, l’ente provinciale aveva deciso, per quest’anno, di aprire una sorta di bando pubblico in cui tutti i comuni salentini, che fossero stati interessati, avrebbero dovuto inviare il proprio programma, circa la giornata ideale da organizzare per onorare al meglio la Giornata Mondiale della Terra. Tra le cinque proposte pervenute, la più convincente è stata quella del comune neretino.

L’evento si articolerà in due giornate che, come detto, si svolgeranno il 28 ed il 29 aprile. Lunedì 28 la giornata sarà aperta dalla piantumazione di alberi ed arbusti presso le scuole cittadine, per poi proiettarsi verso l’importantissima Tavola Rotonda, alle ore 18 presso il Teatro Comunale, su “Il futuro della Terra: gestione e tutela delle risorse rinnovabili”, in cui interverranno il sindaco di Nardò e tutte le più importanti autorità del territorio neretino. Il giorno successivo, poi, presso il Parco Culturale Giovanile “La Saletta”, si terrà un convegno dal titolo “Petalù: il riuso creativo e lo sviluppo sostenibile”, seguito dalla proiezione del film “La storia delle cose”. Da lunedì 28 aprile a sabato 3 maggio, infine, presso la Villa Comunale di Nardò si terrà la mostra di alberi, piante ornamentali, arbusti, etc.

Si è tenuta questa mattina presso la sala conferenze di Palazzo Adorno, la conferenza stampa di presentazione dell’evento che ha visto la partecipazione del presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone; del difensore civico, Giorgio De Giuseppe; del vicesindaco con delega alla Pubblica istruzione del Comune di Nardò, Carlo Falangone; del consigliere comunale, Giovanni Siciliano.

“Attraverso un’efficace opera di educazione civica possiamo spronare ciascun cittadino perché, nelle piccole come nelle grandi cose, ponga al centro del proprio comportamento il rispetto della natura. Quanto ignoranza, incuria e dolo incidano nel determinare danni irreparabili lo sappiamo tutti, anche se sembriamo accorgercene allorché la furia degli elementi devasta ciò che ci è caro”. Ha aperto in questo modo il suo intervento il presidente Antonio Gabellone che poi ha sottolineato: “Quello che è stato scoperto nei giorni scorsi, circa i veleni interrati tra le falde acquifere di Melissano e nei paesi limitrofi, è una ferita che brucia e che fa male a tutto il territorio. Noi dobbiamo cercare di ripartire da questo tipo di iniziative per lasciarci il passato alle spalle e fare in modo che questi tristi fenomeni non si ripetano più”.



In questo articolo: