Commercio 2.0 e turismo: l’artigianato salentino spopola online a tutto vantaggio del territorio

Il digitale irrompe nella tradizione e fa da traino al turismo. È il caso degli artigiani salentini che si sono lanciati nel commercio 2.0. Motori di ricerca, spedizioni, posizionamento SEO e strategie di marketing digitale sembrano non avere nulla a che fare con l’artigianato, ma non è così in un mondo che va sempre più veloce ed è sempre più connesso. Da Gallipoli a Lecce, fino a Otranto: l’attenzione dei turisti è per il locale.

I prodotti salentini, sono arte per i turisti

Sono soprattutto sandali, centrotavola in terracotta, oggetti in ferro battuto o in pietra leccese le opere d’arte degli artigiani salentini a offrire al mercato online veri e propri pezzi unici. Una firma importante del made in Italy, che nel caso specifico è made in Salento. Negli ultimi anni, infatti, sono sempre di più gli artigiani salentini che hanno avviato un’attività di vendita online, supportati da strategie di marketing nell’era del digitale.

Bacino di clienti ampliato in modo esponenziale (del 200% in appena un paio d’anni) e attrattività turistica: sono questi i due principali risultati che la ricerca di Merketing01 ha evidenziato. L’azienda Premier Partner di Google specializzata in analisi della online reputation, in strategie di web marketing e campagne di posizionamento Seo e Sem, ha deciso di dedicare al caso salentino di Otranto un workshop di approfondimento mercoledì 8 maggio presso l’Hotel Basiliani, in Via Basianutti, 25.

Il quadro d’insieme, artigianato 2.0 e turismo

Ma il risvolto più interessante pare riguardare il turismo: sembra che alcuni degli e-shoppers abbiano deciso di fare visita al territorio da cui i prodotti acquistati vengono. Non solo vendita online, ma anche turismo, dunque: un traguardo per tutto il territorio.

“Negli ultimi anni, moltissimi imprenditori pugliesi hanno deciso di investire in strategie di marketing online e questo, unito alle bellezze locali, ha portato dei risultati enormi. – Ha commentato Paolo Bomparola, Presidente della Marketing01 – Non dobbiamo, infatti, sottovalutare lo stretto legame che intercorre tra i vari aspetti che caratterizzano un territorio. Credo che sia sbagliato parlare di sviluppo commerciale separandolo, ad esempio, da quello turistico o culturale. Dovremmo, piuttosto, guardare il quadro di insieme”.



In questo articolo: