Amministrative 2019, Lecce ha il terzo candidato Sindaco. Luca Russo scende in campo

Dopo Baglivo e Salvemini a concorrere alla carica di primo cittadino c’è il presidente dell’associazione Movimento in Libertà. Oggi l’ufficializzazione della candidatura.

Dopo Arturo Baglivo, Carlo Salvemini e in attesa del 17 marzo, giornata in cui si svolgeranno le elezioni primarie della coalizione di centrodestra (alle ore 12.00 di domani, scadranno i termini per la presentazione dei candidati che, al momento sono Mario Spagnolo, Gaetano Messuti ed Erio Congedo, anche se mancano più di 12 ore per sorprese last minute), Lecce ha il suo terzo candidato alla carica di primo cittadino.

Si tratta di Luca Russo la cui ufficializzazione della candidatura è avvenuta nelle scorse ore.

“Siamo l’unica vera alternativa agli schieramenti tradizionali, troppo sclerotizzati su vecchi schemi, incapaci di dare risposte concrete e credibili ai cittadini – ha spiegato. Lo scenario che si registra ogni giorno è sotto gli occhi di tutti. La confusione regna sovrana tra personalismi, veti incrociati e velenose accuse. Di politica e della gente non parla nessuno. Sono stati cancellati con un colpo di spugna. Noi invece non abbiamo mai smesso di essere al fianco dei cittadini. Lo abbiamo sempre fatto e continueremo a farlo.

Con le nostre associazioni abbiamo offerto aiuto e suggerimenti per cercare di risolvere piccoli e grandi problemi di ogni giorno, senza mai chiedere nulla in cambio, solo animati da uno spirito di solidarietà per venire incontro a quanti si trovavano in una situazione di difficoltà, seppur temporanea”.

Russo potrà contare sull’apporto di quattro liste: Movimento in Libertà, associazione di cui è il presidente, Salento Europa, associazione che opera sul territorio salentino da 23 anni, il movimento Diversi, un contenitore nel quale trovano spazio diverse sensibilità, e il partito dei Valori Cristiani, guidato dal Presidente Cosimo Cartellino.

“Il nostro obiettivo – conclude Russo – è quello di far tornare i cittadini ad essere protagonisti, a sentirsi parte di una grande comunità che intende riprendersi il proprio futuro. Vogliamo far tornare loro la speranza di un futuro migliore.

Siamo una squadra di professionisti, commercianti, artigiani, studenti, preparati, seri e orgogliosi di far parte di un grande progetto. Ci abbiamo messo la faccia. Perché siamo persone perbene. Perché vogliamo continuare ad essere un punto di riferimento per i cittadini venendo incontro ai loro bisogni e alle loro esigenze. Perché vogliamo migliorare la loro vita”.