Calciomercato: chi è Deiola, il prossimo volto nuovo per il centrocampo del Lecce

In dirittura d’arrivo la trattativa per portare in giallorosso il 24enne del Cagliari: si dialoga sulla base del prestito con obbligo di riscatto in caso di salvezza giallorossa. Fari accesi anche su Saponara.

Che urga intervenire sul mercato è cosa nota in casa Lecce. Difesa e centrocampo sono, infatti, i reparti che più hanno sofferto l’impatto con la categoria ma, se il pacchetto difensivo ha solo bisogno di registrarsi (anche numericamente), più complesso è il discorso per la mediana, dove fino ad oggi hanno tirato la carretta i reduci dalla Serie B.

Tachtsidis, Petriccione, Majer e Tabanelli hanno approcciato bene alla Massima Serie, ma su di loro pesa un gap tecnico che non sempre la verve agonistica riesce a sopperire. Così, ingaggiato Giulio Donati per la corsia destra (e in attesa di un centrale di difesa di esperienza che possa dare la staffetta a Lucioni e Rossettini), per il centrocampo si tenta qualche colpo ad effetto.

Il nome più vicino al giallorosso di tutti è quello di Alessandro Deiola.

La scheda

Regista puro, ma all’occorrenza anche mediano col piede destro, Deiola è un sardo doc, classe 1995. Cresciuto e di proprietà del Cagliari, si è fatto le ossa nei primi anni di carriera in C e B, con la maglie di Tuttocuoio e Cagliari, appunto. Tra il 2016 e il 2017 trascorre una breve, ma proficua, esperienza a La Spezia, prima di essere richiamato alla casa madre per dare il via alla sua prima, vera, volta in Serie A.

Per lui, dal 2017 ad oggi, 39 presenze in A, sempre con la maglia del Cagliari, salvo un intervallo in prestito al Parma nella prima parte dello scorso anno.

In questa stagione, però, sta facendo fatica a ritagliarsi il suo spazio nello scacchiere di Maran, chiuso dai vari Nandez, Rog, Cigarini e Nainggolan, il 24enne ha voglia di giocare e Lecce può essere la piazza giusta per lui. In questa stagione è sceso in campo solo due volte (90′ contro la Sampdoria, solo una manciata di secondi nel match contro la Lazio).

Ora approderà in Salento, dove potrà giocarsi il posto con Panagiotis Tachtsidis, oppure potrebbe inserirsi bene in un inedito centrocampo a quattro.

Lecce e Cagliari stanno definendo in queste ore la formula per il trasferimento: si dialoga sulla base del prestito con diritto di riscatto, che potrebbe diventare obbligo in caso di salvezza giallorossa.

Con questa pedina Liverani cercherà di raddrizzare un reparto andato in sofferenza nelle ultime uscite.

Non solo lui

Ma è chiaro che al tecnico romano servirà anche dell’altro. Proprio per questo nella serata di ieri si è cercato di dare una accelerata anche per Riccardo Saponara, sogno di mezza estate che adesso torna prepotentemente di moda.

Il suo nome è tra quelli più in cima nel taccuino del direttore sportivo Meluso: trequartista di Forlì, 28 anni, in estate si è accasato al Genoa dove però non trova spazio (solo 4 presenze in questa stagione). Nemmeno con l’arrivo del nuovo mister Davide Nicola Saponara sta riuscendo a trovare la sua dimensione Ligue e per questo la trattativa sarebbe in fase di decollo.

Per la difesa, infine, telefoni aperti con il Torino per Koffi Djidji. Il centrale difensivo franco-ivoriano, 27 anni, è a caccia di continuità: cosa che il Lecce sarebbe pronto ad offrirgli.



In questo articolo: