La vittoria contro il Vicenza regala ai giallorossi la prima posizione, parlano Baroni e Coda

Al termine della gara vinta contro gli uomini di Brocchi commentano la prestazione l’allenatore dei salentini e il bomber campano, tornato al gol.

“Queste sono gare nella quali la testa può prendere direzioni sbagliate, ma i ragazzi sono stati concentrati e hanno dato una prova di grande maturità. Abbiamo centrato l’obiettivo contro una squadra che, nonostante la classifica, ultimamente sta facendo buone prestazioni. Non c’è stata partita, ma mi dispiace per le occasioni sprecate a per il gol incassato, perché non siamo stati in grado di gestire la situazione della marcatura avversaria, in questo momento, però, mi interessa poco e voglio fare i complimenti a tutta la squadra, a tutti i calciatori, compresi quelli che sono andati via e che hanno contribuito in egual misura e fare in modo che questo gruppo crescesse”, è un Marco Baroni un po’ provato, ma molto soddisfatto quello che si è presentato in sala stampa al termine della gara vinta dal Lecce contro il Vicenza, un successo che ha consegnato a capitan Lucioni e compagni, la vetta della classifica de Campionato di Serie B.

“Era normale avere pochi punti all’inizio del torneo, questa è una squadra totalmente rinnovata, che ha cambiato sistema di gioco e con tantissimi giovani. La squadra mi stimola tantissimo, perché è un gruppo che cresce sempre, che lavora ed è questo il fattore fondamentale che mi dà molte motivazioni.

Oggi voglio fare i complimenti a Bjorkengren, ha giocato una grande partita ed è un ragazzo, che quando scende in campo fa sempre bene, ha dato qualità in mezzo al campo e anche oggi ha avuto la possibilità di segnare. Di Coda conosciamo le qualità e Listkowski sta crescendo; ripeto: credo molto nel lavoro, ci sta credendo il giocatore, così come la squadra e quindi risultati e gioco sono sotto gli occhi di tutti.

Listowski, prima non era pronto per giocare in questo ruolo, con me i calciatori, quando sono pronti scendono in campo, non mi interessa il nome che hanno, o se sono giovani. Listkowski quando sono arrivato secondo me non aveva identità di ruolo, lui si è messo lì, ha iniziato a lavorare, a destra gli abbiamo semplificato alcune cose, adesso deve stare sereno e continuare così, perché sa che se non lavora e non migliora torna dove era prima.

Sono molto soddisfatto della prestazione di Faragò, perché viene da un lungo periodo in cui ha giocato poco. Sono contento che non abbia voluto essere sostituito, è cresciuto man mano che la partita è andata avanti e lo conosco benissimo. Deve entrare maggiormente nel ruolo, ma ha la maturità e l’esperienza per poterlo fare e sono convinto che ci darà una grandissima mano.

Hjulmand questa mattina non ha iniziato bene la giornata, è arrivato con qualche minuto di ritardo alla riunione tecnica e gli ho chiesto se avesse perso tempo leggendo i giornali, visto le notizie che vengono pubblicate prima delle partite e che non fanno piacere agli allenatori. Al di là di questo Morten non sa neanche lui quanto può crescere e ancora interpreta il ruolo al 50% da come lo intendo io. Ha fatto una grande prestazione, ma non si deve accontentare, gli vedo addosso potenzialità che lui non vede”

Parola all’Hispanico

“Venendo da un periodo di stop, il gol di questa sera è un’iniezione di fiducia per ricominciare la strada che si stava percorrendo e sarà fondamentale continuare così in vista dei prossimi impegni”, ha invece dichiarato uno dei marcatori di giornata Massimo Coda.

“Fare assist è stata sempre una delle mie caratteristiche, poi, avendo esterni così veloci, ‘imbucarli’ di prima diventa devastante. Dovrò cercarli più spesso.

Queste due partire consecutive mi hanno aiutato molto a riprendere la forma, questa sera nei minuti finali ero un po’ esausto, ma ho messo minuti nelle gambe. Con il fisico che ho sapevo che sarebbe stato difficile ricominciare, ma adesso spero di raggiungere la forma migliore”.

Gli allenamenti della capolista sono ripresi questa mattina.



In questo articolo: