Spalletti, Pioli e Nicola pronti a tornare in panchina. Chi diceva che Liverani non avrebbe mangiato il panettone?

Sampdoria, Milan e Genoa hanno intenzione di cambiare allenatore. Sarà una Serie A molto diversa quella che il Lecce di Liverani incontrerà il 20 ottobre dopo la pausa per la Nazionale di Roberto Mancini.

Sarà una Serie A profondamente diversa dall’ultima domenica di campionato quella che il Lecce ritroverà nella sfida del 20 ottobre a San Siro contro il Milan. Il valzer delle panchine di queste ore trasformerà il torneo e gli stessi rossoneri si presenteranno al Meazza con un nuovo allenatore a stringere la mano a Fabio Liverani.

Ha cominciato la Sampdoria dando il benservito ad Eusebio Di Francesco (la scelta dovrebbe ricadere su Stefano Pioli o Beppe Iachini); il Milan è ad un passo dall’annuncio di Luciano Spalletti, destinato a subentrare a Marco Giampaolo.

Il Genoa dei Preziosi potrebbe a breve salutare Aurelio Andreazzoli per presentare Davide Nicola. Questione di ore…

Un tempo la sosta del campionato per gli impegni della Nazionale era il periodo della calma e della riflessione calcistiche. Una specie di camera d’aria per raffreddare i bollenti spiriti del torneo, per acquietare le crisi delle squadre in difficoltà e per riportare con i piedi per terra chi era stato lanciato nelle parti alte della classifica dai buoni risultati.

Arrivava la sosta e il silenziatore veniva bell’e messo. Evidentemente i tempi sono cambiati anche per queste situazioni. La pausa della Serie A sembra essere contrassegnata dagli isterismi del cambio panchina.

Sampdoria, Milan e Genoa sono destinate ad annunciare i nuovi mister.

Certamente non erano quelli i nomi degli allenatori che all’inizio del campionato venivano dati per silurati dopo le prime apparizioni. Sulla graticola ci dovevano essere Liverani, Juric e Corini che, invece, sono saldi in panca.

Chi scommette, si sa, scommette su tutto. Punta qualche euro anche sulle previsioni di esonero. Quale allenatore non mangerà il panettone sulla panchina di inizio campionato? Questa estate in testa alla classifica c’era Juric dell’Hellas Verona a 1,55; Fabio Liverani era dato a 2,15; Eugenio Corini  a 2,25; Igor Tudor, a 2,50. Nessuno di questi salta.

Le gerarchie, almeno in questo, sono state ribaltate. Ma chi si è salvato ha tutto il diritto di toccare ferro.



In questo articolo: