Coda sbanca l’Arena Garibaldi su penalty. Le pagelle di Pisa – Lecce

Pablo Rodriguez entra e cambia la sfida tra Pisa e Lecce. Coda segna su rigore e i giallorossi puntano il primo posto in B

Sesta meraviglia del Lecce, vittoria di rigore a Pisa e undicesimo risultato utile consecutivo (leggi la cronaca del match). Successo storico dal sapore di serie A, la decide ancora una volta il capocannoniere Coda.

Primo tempo nel quale fa da padrone l’equilibrio tra le due squadre dove però si rendono più pericolosi gli uomini di D’Angelo.

Nella ripresa alza i ritmi la formazione di Corini che ci prova m con più convinzione fino ad arrivare al minuto 76′ con l’episodio che decide il match: su iniziativa del neo entrato Rodriguez, si inserisce Henderson che viene atterrato in area di rigore. Dal dischetto si presenta bomber Coda che trafigge Gori e decide così un match davvero ostico e complicato.

Di seguito le pagelle della gara:

Gabriel 6:  secondo clean sheet di fila per lui, ancora una volta non chiamato a particolari interventi.

Maggio 6: il terzino destro giallorosso rischia di causare nel primo tempo un rigore per un intervento scomposto su Palombi. Qualche errore più del solito in fase di impostazione

Lucioni 7: straordinario nelle chiusure difensive, quella su Palombi nel primo tempo vale come un gol. Poi continua la sua gara con tranquillità, guidando alla vittoria, da vero capitano, i compagni.

Pisacane 5,5: torna al centro della difesa a far coppia con Lucioni e tra i due risulta proprio l’ex Cagliari più in difficoltà. Si becca un giallo dopo 30 minuti e viene sostituito da Meccariello per non correre ulteriori rischi.

Fabio Pisacane (ph.Pinto)

Gallo 5,5: il palermitano stavolta esagera cercando spesso giocate complicate e iniziative personali che lasciano scoperta la sua fascia che fortunatamente gli avversari non sfruttano.

Majer 6,5: altra gara di spessore della mezzala slovena, gli manca solo l’ultimo passaggio e un po’ di benzina nelle gambe tant’è che viene poi sostituito da Tachtsidis al 70′.

Hjulmand 6,5: il centrocampista danese riprende il posto da titolare e fornisce una prestazione solida, lottando come sempre su ogni pallone.

Björkengren 6,5: il 23enne svedese non sbaglia mai la partita, meno appariscente di altri interpreti nel suo ruolo ma tantissimo lavoro sporco in mezzo al campo che aiuta la squadra in fase di non possesso.

Bjorkengren e Gallo in azione

Henderson 6,5: buona la partita dello scozzese che si fa trovare sempre tra le linee e si procura il rigore che risulterà decisivo.

Pettinari 6: non punge come nelle ultime uscite, si muove tanto ma in mezzo alle maglie strette dei pisani era difficile trovare spazio.

Coda 7:  nonostante una gara non brillante, il bomber campano mette la sua firma calciando con freddezza il rigore che sblocca e decide il risultato.

Meccariello 6,5 (dal 46′) entra e ristabilisce la solidità difensiva che garantisce insieme a Lucioni, annullando Marconi e compagni senza rischiare più nulla.

Tachtsidis 6,5 (dal 70′) bene anche il greco che, dopo essere passati in vantaggio, addormenta il gioco e gestisce al meglio i palloni delicati in mezzo al campo insieme al compagno di reparto Hjulmand.

Rodriguez 7 (dal 70′) dà subito vivacità e pericolosità al gioco dei salentini ed è grazie ad un suo spunto che arriva il rigore che sblocca la gara. Sempre più determinante.

Nikolov (dall’88’) s.v.

Stepinski (dall’88) s.v.

Corini 8: indovina ancora una volta i cambi grazie ai quali la partita viene poi decisa. Dopo soli tre giorni non era facile ripetersi, ma nonostante una gara non eccellente, dovuta soprattutto alla pressione del Pisa, a un po’ di stanchezza generale, i suoi ragazzi hanno trovato la forza di portare a casa la vittoria. La sesta consecutiva, che fa entrare di fatto l’allenatore di Bagnolo Mella nella storia del club giallorosso. Ad aumentare l’euforia, il pareggio del Monza che fa volare i salentini a +6 dai brianzoli in attesa del posticipo di stasera che vedrà impegnata la Salernitana.



In questo articolo: