Dallo Jonio all’Adriatico, le 5 Vele di Guida Blu sventolano sul Salento

Il riconoscimento assegnato da Legambiente e Touring Club Italiano a 12 comprensori turistici della Puglia, tra cui quello dell’Alto Salento Jonico e dell’Alto Salento Adriatico

Nell’estate 2020 si confermano 12 i comprensori turistici della Puglia premiati con le Vele di Guida Blu, riconoscimento assegnato da Legambiente e Touring Club Italiano alle località marine lacustri più belle.

Il Salento porta a casa le 5 vele con due comprensori: quello dell’Alto Salento Jonico che abbraccia i territori dei comuni di Nardò, Gallipoli, Porto Cesareo e Racale e quello dell’Alto Salento Adriatico con i comuni di Otranto, Melendugno e Vernole.

Sul podio anche la Costa del Parco Agrario degli Ulivi Secolari, il comprensorio di cui fanno parte Polignano a Mare, Fasano, Monopoli, Ostuni e Carovigno).

Grande la soddisfazione degli amministratori dei comuni salentini interessati che vedono premiata non soltanto la mancanza di inquinamento delle acque e la salubrità dell’aria ma anche l’attenzione per l’ambiente attraverso politiche di sostenibilità nei trasporti, di efficace raccolta differenziata dei rifiuti oltre alla costante azione di sensibilizzazione sul territorio. Senza dimenticare le eccellenze enogastronomiche, la qualità delle strutture ricettive, gli itinerari, i luoghi d’arte e tanti tanti altri parametri.

La soddisfazione del Sindaco di Nardò

“È un premio al lavoro corale del territorio – commenta il sindaco Pippi Mellone – e agli sforzi di chi amministra e dei cittadini. Un riconoscimento che dimostra per l’ennesima volta in che meraviglioso contesto abbiamo la fortuna di vivere e che può dare rinnovato impulso al settore turistico, che come dappertutto in Italia e in Europa fa i conti in quest’estate con gli effetti della pandemia. Determinanti i recuperi delle torri costiere, il grande senso civico dei neretini che fanno registrare percentuali altissime di raccolta differenziata, la scelta strategica sulle piste ciclabili”.

Le parole del Sindaco di Otranto

Il Sindaco Pierpaolo Cariddi ha accolto con entusiasmo la riconferma delle 5 vele: “Si premia con l’ennesimo riconoscimento la politica virtuosa di un intero territorio (amministrazione, cittadini, operatori) che continua a tutelare prima e trasformare poi in attrattori culturali e turistici le sue maggiori valenze. Il Comune di Otranto, in particolare, è stato premiato perché ha approvato di recente il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile e proposto due progetti di pista ciclabile, a nord e a sud della città”.

Marco Potì: ‘Un premio alle nostre politiche di tutela ambientale’

marco-potì

“Grande soddisfazione e orgoglio per il decimo anno consecutivo in cui riceviamo le 5 Vele – dichiara in proposito il sindaco di Melendugno, Marco Potì – Insieme a Vernole e Otranto riceviamo un riconoscimento che premia, oltre alle bellezze paesaggistiche, le politiche e le scelte di tutela ambientale e turistica di questo comprensorio che mette insieme i punti più qualificanti come l’Oasi delle Cesine, l’impianto di fitodepurazione di Melendugno, il sistema di trasporto elettrico, la bellezza dei luoghi, del borgo di Otranto e i servizi turistici all’avanguardia, che vanno a delineare un comprensorio d’eccellenza nazionale”.

Soddisfazione a Porto Cesareo

“Bandiera Verde e 5 Vele – commenta il sindaco Salvatore Albano – sono dei premi ambiti che dimostrano che la strada tracciata in questi anni è quella giusta. Questo ci darà lo stimolo per perseguire nuovi obiettivi che migliorino lo stato del nostro territorio, la vita dei nostri concittadini e di chi vorrà trascorrere un periodo di vacanza con noi”.

 



In questo articolo: