Vieni a ballare in Puglia…le discoteche aprono un mese prima. Musica accesa dal 15 giugno

Come è scritto, nero su bianco, in una ordinanza fissata dal Governatore Michele Emiliano le discoteche all’aperto in Puglia potranno riaccendere la musica dal 15 giugno.

Sarebbe stato difficile riuscire ad immaginare l’estate in Puglia senza la musica. Note più o meno ritmate che ‘scandiscono’ le giornate di vacanza: risuonano (o risuonavano prima dell’emergenza causata dal coronavirus) negli stabilimenti balneari, durante gli aperitivi in riva al mare, a cena, nelle sagre e feste patronali e nelle discoteche a cielo aperto. Sarebbe stato difficile rinunciare ad una “sfumatura” importante del settore del turismo, punta di diamante nella regione.

Forse anche per questo il Governatore Michele Emiliano ha deciso di firmare l’ordinanza che ‘accende’ la musica delle discoteche all’aperto dal 15 giugno. Un mese prima del 15 luglio, data prevista dall’ultimo decreto del presidente del Consiglio dei Ministri che aveva fatto non poco discutere.

Non è l’unica Regione a giocare d’anticipo: stessa cosa è stata scritta, nero su bianco, dai Presidenti di Emilia Romagna, Liguria e Veneto. Tutti in pista, quindi, rispettando le regole necessarie per evitare che un momento di divertimento dopo mesi di chiusura si trasformi in un focolaio. Ora la palla passa ai locali che dovranno ‘ridisegnare’ gli spazi per evitare gli assembramenti e garantire la distanza di sicurezza di almeno un metro. Stessa cosa vale per i tavoli e le poltrone.

Insieme alle discoteche all’aperto, riapriranno – è ufficiale – aree giochi attrezzate per bambini, le attività connesse al wedding e ai ricevimenti per eventi, le attività formative in presenza, le sale slot, le sale giochi e le sale scommesse.

Ora sul tavolo resta la questione, sentita per i salentini e per i tanti turisti che hanno amato la Puglia e il Salento per la sua tradizione, delle sagre che attirano centinaia di visitatori. È probabile che il via libera per questi eventi tipici scatterà da luglio. Anche in questo caso a delle regole ben precise.



In questo articolo: