La perdita del lavoro e la depressione, si accende la macchina della solidarietà per Tony. La raccolta alimentare del Pronto Soccorso dei Poveri

Si attiva la macchina della solidarietà per un 54enne salentino caduto in depressione dopo la perdita del lavoro. Noi possiamo fare tanto…

Dalla perdita del lavoro alla depressione è stato un attimo per Tony (nome di fantasia), 54 anni, di Lecce. La sua storia è finita negli appunti di viaggio del Pronto Soccorso dei Poveri che ogni giorno prova a rispondere alla richiesta di aiuto di chi non ce la fa.

‘Tony si sta lasciando andare – racconta a Leccenews24 Tommaso Prima, il presidente dell’ associazione -. Non mangia da tre giorni perché non ha disponibilità economiche sufficienti per andare a fare la spesa. Gli abbiamo proposto di andare alla Caritas, perché lì certamente un pasto l’avrebbe trovato a pranzo e a cena. Ma niente…Antonio ha il suo senso della dignità che gli impedisce di chiedere. Lo sappiamo bene che è sbagliato ma noi abbiamo il dovere di fare i conti con la sensibilità di ciascuno e rispettarla!’.

Così è partita l’ ennesima richiesta di aiuto, l’ennesima raccolta alimentare del Pronto Soccorso dei Poveri. Chiunque possa e voglia donare generi alimentari, pane, latte, tonno, olio, carne in scatola, ecc. lo può fare contattando il 346.9537000.

Ci penserà l’associazione a recapitarli a Tony in assoluto anonimato per provare a riaccendere quella scintilla di vita che a volte la solidarietà può attivare. Non sarà facile perché Tony ancora non si rassegna alla perdita del lavoro, ma bisogna provarci perché i percorsi della rinascita sono sconosciuti e una semplice pacca sulla spalla o un gesto di attenzione, a volte, può essere vitale. A Natale poi questi momenti di solidarietà valgono il doppio.



In questo articolo: